Tour Natalizio di Mia Another, Anna Zarlenga e Grazia Cioce

Una notte di neve a Tokyo

  • Titolo: Una notte di neve a Tokyo
  • Autore: Mia Another
  • Editore: ‎Newton Compton Editori
  • Data pubblicazione: 4 dicembre 2021
  • Genere: Novella natalizia
  • Copertina flessibile: ‎53 pagine
  • Cartaceo: 3,90 euro
  • Ebook: 0,49 euro

Kasumi Hojo ha ventotto anni e una vita apparentemente serena. Il suo matrimonio le consente di avere la tranquillità e la sicurezza che ha sempre desiderato, ma dentro di sé sa che non basta per essere felice. Questo è il motivo per cui tre anni prima ha stretto un patto con suo marito: ispirandosi alle antiche leggende giapponesi, per un singolo giorno all’anno sono liberi. Liberi di fingere di non essersi mai incontrati, di essere persone diverse, di sfilare la fede nuziale dal dito. Ma ovviamente ci sono delle regole. Il “giorno di libertà” non può superare le ventiquattro ore ed è vietato portare in casa qualsiasi tipo di ricordo di quella notte, così come farsi domande a vicenda. È la notte di Natale, ed è la terza volta che la storia si ripete. Ma questa volta, trascorse le ventiquattro ore, per Kasumi sarà impossibile dimenticare l’accaduto.

Recensione

Jess: Cosa mi ha lasciato la novella scritta da Mia Another? Un senso di speranza. Non so bene cosa volesse mostrare l’autrice con Una notte di neve a Tokyo, ma io nella storia di Kasumi ho visto un presente che va stretto, regole un po’ assurde per uscire dall’ordinario ma che nel momento opportuno è sfociata la voglia di rinascita, e non grazie a un uomo, alla neve o alla festa, ma grazia a una goccia di pioggia. La Another ha un modo di scrivere che attacca, quasi ferisce, che non ti può lasciare indifferente e per me ci è riuscita anche con una storia breve, quindi non posso che dirle grazie e farle i complimenti.

Cappellaia Matta: Quante volte ci sentiamo soffocati dalla nostra vita e volenterosi di cambiarla? Quante volte, però, tendiamo a non fare nulla? Ebbene, proprio con questo spirito mi sono approcciata alla lettura della novella di Mia Another, autrice conosciuta attraverso precedenti pubblicazioni. Il tempo passa ma la scrittura resta, anzi migliora perché l’autrice cerca di far ruotare tutta la storia in un’unica notte dove il destino deciderà le sorti di Kasumi, una ordinaria donna al culmine della sua età. L’autrice non vuole porre il contentino pronto al lettore, anzi pretende attenzione e curiosità, ottenendo un riscontro positivo. Ho trovato questa lettura, non proprio natalizia ma più incentrata (come accennato dalla mia collega Jess) quel senso di sperata rivalsa per ricercare sempre la felicità. Vi consiglio questa novella, se amate osare e cambiare rotta…non fa mai male…promesso!!!

Uno sconosciuto sotto l’albero

  • Titolo: Uno sconosciuto sotto l’albero
  • Autore: Anna Zarlenga
  • Editore: ‎Newton Compton Editori
  • Data pubblicazione: 7 dicembre 2021
  • Genere: Novella natalizia
  • Copertina flessibile: ‎67 pagine
  • Cartaceo: 3,90 euro
  • Ebook: 0,49 euro

Tra le righe, a volte, sboccia l’amore. E se è Natale, è ancora più semplice che accada.
Gloria lavora in una casa editrice. Quello che fa la appassiona. Quando ormai manca poco alle vacanze natalizie, il suo editore le assegna il compito di lavorare al romanzo di un autore appena acquisito, su cui la casa editrice ha investito molto, Orlando James. Gloria accetta ben volentieri, anche se sa che Orlando ha non poche singolari caratteristiche: è eccentrico, non ama le regole, cela a tutti la sua vera identità. Ma soprattutto – cosa che Gloria non immaginava – comincia a mettere in discussione tutti gli interventi di Gloria sul suo romanzo. Quando l’editing sembra di fronte a un’impasse, Orlando lancia a Gloria una sfida. Se accetterà di superare alcune prove, lui le svelerà finalmente chi è. Gloria è molto seria, spesso rigida, e la proposta di Orlando le sembra folle. Eppure ne è allo stesso tempo incuriosita. E allora, lei che non ama la trasgressione né tantomeno le sorprese, deciderà per una volta di correre il rischio…

Recensione

Jess: Non so come faccia, ma Anna Zarlenga mi stupisce sempre e ci è riuscita anche con Uno sconosciuto sotto l’albero. Grazie a Gloria e Orlando ho sentito la magia del Natale e ho anche percepito il Grinch dentro di lei (e di me), ma soprattutto ho percepito la voglia di cambiamento che nemmeno lei sapeva di avere dentro di sé. Mi è piaciuto il “gioco” tra editore e autore, come mi sono piaciuti gli incontri, i sotterfugi e i sorrisi che ogni pagina mi ha regalato, ma dalla Zarlenga non mi aspettavo nulla di diverso.

Cappellaia Matta: Primissima occasione di approccio verso Anna Zarlenga, già rapita senza uno riscatto ahahah. Ok, ammettiamo che la sottoscritta necessita di una dose massiccia di romanticismo rassicurante ma la cara Anna, ammetto, colpisce dritta al cuore. Utilizzando il mezzo per eccellenza, rivisitato in chiave moderna, capiamo quanto l’amore non possiede tempo, luogo e durata. Nulla viene deciso, programmato ma solo vissuto e assaporato senza riserve. Una scrittura dolce, speziata e vicina al mio ideale di novella. Un sorriso che consiglio a tutti di cogliere.

Il mio regalo di Natale

  • Titolo: Il mio regalo di Natale
  • Autore: Grazia Cioce
  • Editore: Newton Compton Editori
  • Data di pubblicazione: 10 dicembre 2021
  • Genere: Novella natalizia
  • Copertina flessibile: ‎65 pagine
  • Cartaceo: 3,90 euro
  • Ebook: 0,49 euro

Federico Viviani vorrebbe solo concentrarsi sul lavoro e dimenticare le festività, ma sua sorella ha altri piani per lui: si è messa in testa di essere il suo “Cupido” e di combinargli un appuntamento al buio proprio il giorno di Natale. Chiara Martinez è una ragazza esuberante, impegnata e di certo non in cerca di un fidanzato. Ma si sa, a Natale tutto può succedere… Federico e Chiara si incontrano a Corio, in un weekend di relax alla ricerca del loro spirito guida. Tra i due nasce qualcosa. Un contrattempo li divide prima della fine del corso, con rammarico per entrambi. Ma il destino li farà ritrovare proprio per la cena di Natale a casa Viviani. 

Recensione

Jess: Grazia Cioce ha deciso di farci conoscere Federico e Chiara e lo fa portandoci in un paesino pieno di spiritualità, di cibo “insolito” e dove c’è una capra sempre presente e a tratti inopportuna. Eppure Il mio regalo di Natale non strappa solo sorrisi, fa anche capire quanto a volte staccare dal lavoro e dalle responsabilità faccia bene. Metterci al primo posto fa bene. E non solo perché il cervello e il corpo hanno bisogno di respirare, ma anche perché le sorprese sono sempre dietro l’angolo, pronte a stupirci e a regalarci emozioni.

Cappellaia Matta: Dopo una storia come quella di Grazia, ti rendi conto che la meditazione interiore è la nuova frontiera di rinascita ahahah. Ok, torniamo con i piedi per terra. L’autrice cerca di “costringere” due ignari personaggi, ad avvicinarsi alla prospettiva di un periodo “di sano riposo”. Quanto ho invidiato le loro dinamiche e dal tono accattivante, Grazia riesce a farmi sconnettere dalla frenesia solo attraverso la sua scrittura. Noterete anche una sorella fin troppo pressante, tanto da amarla oppure odiarla in tempo zero. Chissà cosa sarà successo a me? Una lettura veloce ma gioiosa, dal ritmo calzante e la voglia di staccare tipica delle novelle natalizie. Un giusto compromesso tra realtà e fantasia. Super consigliato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...