Recensione – Oblak – Alice Winchester

Scheda Tecnica

  • Titolo: Oblak
  • Autore: Alice Winchester
  • Prefazione: Emily Pigozzi
  • Editore: Self Publishing
  • Genere: Dark Romance
  • Pagine: 307
  • AUTOCONCLUSIVO
  • Cartaceo: 9,36 euro
  • Ebook: 2,99 euro
  • Kindle Unlimited: disponibile

Trama

«Devi promettermi che non darai più così poco valore alla tua vita. La vita è un dono e non dovrai mai sprecarlo, qualsiasi cosa succeda.» Lo fissai, emozionata. «Te lo prometto.»

Gaia e Matej si conoscono sin da bambini e appartengono a due mondi lontani: lei vive a Firenze, lui a Sarajevo. Amarsi per loro è inevitabile. Fino all’aprile del 1992, in cui tutto cambia. Sono passati otto anni da quando Gaia è fuggita dalla terribile guerra che ha devastato la Bosnia e le ha portato via l’amore. Ha rinnegato la sua famiglia dopo averne scoperto il vero volto di una cosca potente e spietata ma, aggrappandosi alla promessa fatta a Matej, non ha mai mollato, pur sentendosi morta dentro. Sola.
Ma se, invece, qualcuno non l’avesse mai persa di vista? Se qualcuno, nell’ombra, avesse scelto di odiare per sopravvivere al tradimento? La vita di Gaia sta per essere stravolta. In un presente amaro si riaffaccia con prepotenza il passato che forse non sarà così dolce come lo ricordava.

Recensione

Cari lettori oggi vi parlo di un libro che mi ha rapito il cuore: “Oblak” di Alice Winchester che ringrazio di cuore per la copia fornita. Avevo sentito parlare bene dell’autrice e dei suoi libri ed ero davvero curiosa di leggere un suo manoscritto e devo ammettere che quest’autrice mi ha letteralmente messo KO. Ho letto “Oblak” in due ore, non riuscivo a smettere di leggere perché avevo bisogno di sapere, avevo bisogno di essere travolta dalle forti emozioni che questo libro mi ha dato, avevo bisogno di vivere un amore vero, un amore non facile, un amore spezzato che nonostante il dolore rinasce un po’ come la fenice che rinasce dalle proprie ceneri.

Voglio essere il più sincera possibile con voi lettori: quando sono arrivata alla fine di questa storia, ho sentito un vuoto dentro, mi mancava il fiato, mi mancavano già i protagonisti, sono rimasta inerme nel letto guardando il soffitto della mia stanza alla ricerca del mio cuore che ormai era perso tra le pagine di “Oblak”.

Non so come spiegare il vortice delle emozioni che mi ha trasmesso questo libro, ma posso dirvi che attraverso la lettura di questo volume ho riso, ho pianto, mi sono arrabbiata, ho amato così tanto che la storia sembrava uscire dalle pagine del libro, ho sentito gli occhi scottanti del protagonista sulla mia pelle, ho sentito su ogni centimetro del mio corpo il dolore del passato dei protagonisti, ho avvertito una fitta al cuore quando i due protagonisti dopo anni si sono ritrovati e nulla era come prima. Io scrivo questa recensione e tremo perché la mia testa è il mio cuore, sono rimasti totalmente coinvolti da “Oblak”, sicuramente questo libro ha un posto d’onore tra i miei preferiti.

L’autrice mandandomi il libro mi ha scritto “Ti aspetto a Sarajevo” beh, a Sarajevo come a Firenze io ho lasciato il mio cuore. Analizziamo nel dettaglio il tutto, non vorrei perdermi tra le mie stesse parole: la copertina è sicuramente molto bella, intrigante poi insomma diciamolo chiaro e tondo Alice Winchester scegliendo un bel ragazzo da far posare in copertina fa battere il cuore delle lettrici super romantiche, il titolo del romanzo risalta molto perché avendo un fondo scuro, il blu utilizzato per il titolo fa da contrasto, poi anche il carattere utilizzato mi è piaciuto tanto. Gli interni del volume sono super curati dall’editing all’impaginazione e in più troviamo per alcuni capitoli dei divisori temporali che hanno come illustrazione una ballerina classica davvero fantastica.

La prosa di Alice è schietta, coinvolgente a tratti curda ma capace di far venire la pelle d’oca, parliamo comunque di un dark romance per cui vengono trattati anche dei temi molto delicati, leggete questo libro cercando di prendere fiato tra un capitolo e l’altro per assimilare tutta la storia. La narrazione avviene tramite i Pov dei protagonisti Gaia e Matej ma troveremo anche dei pov dei protagonisti secondari come Micol. La prefazione è scritta da un’altra autrice italiana di cui ho sentito molto parlare Emily Pigozzi che ci introduce in questa storia fatta di luci e ombre, una storia che vi travolgerà forse vi spezzerà ma che vi farà conoscere il verso significato dell’amore che vince sopra ogni cosa soprattutto l’odio e il dolore.

“Immaginate un’esistenza squarciata, qualcosa che viene perso e non potrà più essere risarcito. Anni, innocenza, promesse di felicità svaniti nel buco nero della distruzione.”

Una storia che ci porta nel passato attraverso i flashback dei protagonisti, attraverso questi ci troviamo a Sarajevo nel 1981, otto anni prima che il destino scombussoli di nuovo il presente dei due protagonisti. Gaia è solo una bambina con tanti sogni del cassetto come quello di diventare una grande ballerina classica e una grande vivacità quando incontra per la prima volta Matej, un bambino che la guarda ballare definendola “Oblak” nuvola perché quando si muoveva su quelle punte sembrava così leggera proprio come una nuvola.

Dal primo sguardo, uno sguardo innocente di due bambini entrambi capiscono che appartengono l’uno all’altro ma a sette anni non si conosce molto dell’amore. Gli anni passano e loro crescono divisi ma sempre uniti ogni volta che si rincontrano l’amore, sembra divampare sempre di più. Vogliono viversi nonostante le loro famiglie sembrano non gradire la loro unione, per il loro amore sono pronti a fuggire ma il destino è tiranno perché vi è in atto una guerra e nella loro fuga tutto cambia, un’esplosione cambierà il loro destino per sempre.

Matej salva Gaia durante l’ennesima esplosione ma lui rimane gravemente ferito. Gaia in seguito scoprirà che il padre, colui che ha sempre considerato un eroe in realtà non si occupa di arte ma è un boss mafioso. Lei avrebbe resistito solo per Matej ma il suo cuore va in frantumi quando le viene comunicato che il suo grande amore è Morto. Ritorniamo al presente, otto anni dopo in Italia. Gaia non ha mai dimenticato Matej ma cerca di sopravvivere al dolore come può, ma il destino non ha chiuso i conti con lei perché il passato torna come una tempesta travolgendola Matej si presenta davanti ai suoi occhi ed è vivo. Quel ragazzino che le ha rapito il cuore ora d’innanzi a lei è un uomo ma il suo sguardo è diverso, per anni Gaia l’ha creduto morto come morta era la sua di anima, ma ora tutto è diverso lui non si fa chiamare più Matej ma Goblin, l’uomo che ha di fronte non è più quel bambino che la faceva brillare. Matej è riuscito a sopravvivere aiutato dal padre di Gaia a rimettersi in sesto ma poi la terribile comunicazione: Gaia era fuggita e che non voleva avere nulla a che fare con quel mondo e con Matej. Il cuore di quest’uomo va in frantumi e decide di mutare i sentimenti come la gioia e l’amore in odio e disprezzo.

“Avevo passato otto anni ad odiarla, quella maledetta ballerina spezzata. L’avevo allontanata, sradicata dalle ossa perché era fino lì che si era ficcata. Anni di dolore, strazio, lutto. Credevo di essere pronta ad annientare una volta per tutte Gaia Bianco”

Il loro grande amore ostacolato da bugie, padri che hanno mentito ai loro figli, per forgiarli e per allontanarli l’uno dall’altro, sentimenti puri trasformati in odio per un destino che non hanno potuto scegliere, le loro vite erano già destinate ma ora dopo otto anni di dolore possono scegliere di odiarsi o ritornare ad amarsi.

“Siamo qui insieme. Ammaccati, pieni di cicatrici, ma vivi.”

Non posso dire oltre perché farei spoiler, ma con il cuore pieno di emozione v’invito a leggere questo libro perché vi rimarrà nel cuore per sempre!

Giada

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...