#lavostravoce · Amministratrice @unteconlapalma · Collaborazione - Autori Emergenti · Genere · Narrativa

27# La vostra voce – Colori – Giulia Previtali

Buongiorno cari lettori, oggi inauguriamo una nuova rubrica, “La vostra voce”, un’idea nata in collaborazione con il blog Tra due mondi, per dare voce e spazio ai vostri scritti. Appuntamento fisso ogni martedì e giovedì.

Scheda Tecnica

Trama

Colori è la storia di Ginevra, di una ragazza che controlla la sua esistenza e ciò che la circonda col cibo, stingendo al petto i chili che la bilancia segna. Ogni volta. Ogni peso. La sua coscienza è sempre accesa, ma il bisogno di monitorare i suoi (chilo)grammi è la forza che le permette di affrontare il male maggiore. Intorno a lei c’è il suo ragazzo, i suoi amici, la sua famiglia e il suo medico…le sue esperienze. Colori è un messaggio potente, un urlo di disperazione, un miraggio di speranza in un tunnel che sembra senza fine.

Ha scritto questo libro perché…
Giulia Previtali è una giovane ragazza di ventisei anni e vive in un paesino della Brianza. È laureata in beni culturali con una tesi in Estetica della filosofia a carattere letterario. Redattrice, con una grande passione per le lingue straniere e il cinema. Nel tempo libero gestisce un blog – The Nerd’s family – con alcuni amici, ormai da qualche anno, che tratta di libri, film, serie tv, manga, anime e fumetti.ù

Cinque buoni motivi per leggere Colori?

1. è attuale.
2. racconta di una situazione che molti noi vivono, in silenzio.
3. è delicato e breve.
4. è silenzioso, ti accompagna per mano con la speranza nel cuore.
5. è un libro semi autobiografico, romanzato, con aggiunte di colore qua e là. 

Estratto

  • Eppure, all’inizio, la malattia indossa delle candide vesti bianche. Se avesse potuto ritrarre il suo Cavaliere, avrebbe indossato un’armatura così chiara da accecarla. Anche i suoi alfieri, i suoi servi, tutti coloro che venivano sfiorati dal suo tocco si sarebbero ammantati di drappi candidi, impalpabili, evanescenti. Come il fumo di quella candela. Un pallido sorriso le stirò le labbra. Ormai, lo sapeva: più stavi male, più diventavi chiara.
  • Se avessero potuto dare un colore al silenzio, avrebbero scelto il bianco. Esattamente perché non era nemmeno un vero e proprio colore.
  • Le foto erano qualcosa di cui Ginevra andava davvero fiera. Non era molto brava a farle, spesso venivano mosse, storte, particolari. Ma le adorava. Amava il fatto che ogni immagine le riportasse alla mente qualcosa che aveva vissuto sia con gioia che con dolore. Mentre le scorreva nel portafoto, si fermò su una foto al mare. L’acqua era di un azzurro trasparente che permetteva di vedere il fondo sassoso e pulito. Forse non era il mare più bello del mondo, ma era quello che più amava. Non avrebbe mai pensato di amare così tanto la Costa Azzurra e la riva costeggiata di sassi di Nizza. Oh, se ne era letteralmente innamorata. La cosa che aveva adorato di più era il sole che solcava quelle onde calme e la marea che si alzava dopocena. Sembrava essere in un dipinto del periodo romantico. Era rimasta solo sei giorni in quella città, ma si era promessa che ci sarebbe tornata. Anche da sola, ma l’avrebbe fatto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...