20# La vostra voce – The Devil and The Lady – Sabrina Pennacchio

Buongiorno cari lettori, oggi inauguriamo una nuova rubrica, “La vostra voce”, un’idea nata in collaborazione con il blog Tra due mondi, per dare voce e spazio ai vostri scritti. Appuntamento fisso ogni martedì e giovedì.

Scheda Tecnica

  • Titolo: The Devil and The Lady
  • Autore: Sabrina Pennacchio
  • Genere: Urban Fantasy
  • Data uscita: 10 Agosto 2020
  • Editore: Self Publishing
  • Collana: Urban Fantasy
  • Pagine: 214
  • Cartaceo: 8,50 euro
  • Ebook: 2,99 euro
  • Kindle Unlimited: disponibile
  • BookTrailer disponibile su YouTube, Facebook e IGTV

Trama

L’anima… la parte più candida di noi… una singola pennellata, più scura delle altre, può davvero bastare a marchiarla per sempre?
Fin dove può spingere il desiderio di salvezza che oscura il nostro cuore? Quel senso di inquietudine e di smarrimento, pronto a scendere sulla nostra testa come la falce della morte?
Aleyn, colta da un’improvvisa disperazione e da un dolore costante che le pulsa nel petto, farà il primo, madornale, errore della sua vita: invocare il Diavolo in persona per supplicare il suo aiuto. Samael entrerà così nella sua vita, un passo felpato dopo l’altro, fino a scoprire chi ha lanciato la maledizione di morte certa che aleggia sulla testa della sua dannata per tutto il romanzo.
Sabrina Pennacchio torna con un fantasy che, non solo ci porterà nella vita della protagonista, tra amore, perdite e fatali attrazioni, ma ci farà immergere in quella lotta tra il Bene e il Male che Samael e i suoi fratelli stanno combattendo dall’Alba dei Tempi: qual è la sottile linea che divide davvero giusto e sbagliato?

5 buoni motivi per leggerlo

– È un romanzo breve ma intenso.
– È autoconclusivo.
– Il nostro Diavolo è finalmente un Diavolo cattivo come si deve.
– Ha uno sfondo giallo/thriller
– Angeli e Demoni non sono solo di contorno
( Bonus: ci spero, principalmente )

Estratto capitolo 1°

«Ego vocare vobis, Mephisto. Tibi respondere, ut mihi vocant, e questo dovrebbe risolvere tutto? Quanto sei sciocca, Aleyn.» Nel momento in cui portò le falangi ad asciugarsi le lacrime, però, le fiammelle dei lumi ondeggiarono sino a spegnersi completamente, lasciandola nella totale oscurità.
Dall’ abisso infernale qualcuno aveva udito le sue parole.
Se Egli avesse dovuto descriverlo, probabilmente non avrebbe saputo farlo.
Finché qualcuno non chiamava il suo nome, poteva concedersi quell’ozio del corpo e delle forze che secondo dopo secondo si rigeneravano, come un neonato che si lasciava nutrire dalla madre, ancora rinchiuso nel suo grembo. E poi, eccolo, arrivava il momento propizio in cui veniva chiamato, in cui poteva abbandonare il suo personale limbo, per essere scaraventato nuovamente in quell’agonia umana che lui avrebbe plasmato a suo piacimento, fino all’attimo in cui l’anima dannata sarebbe divenuta un ente perfetto che l’avrebbe sfamato.
Quella voce femminile arrivò dapprima come un lieve sussurro alle sue orecchie, un mormorio carico d’incredulità che fece aprire di scatto i suoi occhi cremisi. Le labbra si curvarono in un ghigno e si lasciò condurre da quella frase che era diventata, ormai, la liberazione e la condanna di colei che l’aveva pronunciata, neanche credendoci davvero. Era ciò che preferiva: accogliere l’evocazioni di coloro che erano scettici, mostrando il vero terrore per la stupidità che li aveva condotti da lui.
Il buio fu la prima cosa a cui dovette riabituarsi ma non ci mise molto: lasciò che la sua figura galleggiasse per qualche istante a mezz’aria prima di far sbattere le grandi e maestose ali nere che fecero riaccendere, una ad una, tutte le candele presenti nel posto dov’era stato condotto. A guardarlo vi erano gli occhi verdi di una giovane donna.
Il Diavolo, così lo conoscevano i mortali, poggiò con delicatezza i piedi proprio al centro di quel cerchio che lei sembrava essersi tanto impegnata a disegnare e la guardò, socchiudendo appena le palpebre. «Sei stata tu ad avermi evocato?»

Estratto dal capitolo 7°

«Ti dirò…» fece, ancora inginocchiato, sporgendosi poco di più verso di lei, avvicinando il viso al suo. «Ho molti metodi per smettere di pensare a cose futili.»
«E quali sarebbero?» era la prima volta che gli si ritrovava così vicina, tanto da poter notare le sfumature cremisi del suo sguardo. Era bello, Samael, degno della nomea che portava, eppure non era sano che il cuore iniziasse a battere così forte per la sua vicinanza.
Il Tentatore.
Il Peccato personificato.
La fine per la tua anima.
Era già tanto che in quel periodo passato insieme lei non gli fosse caduta tra le braccia come spesso si diceva: dona l’anima al Diavolo e gli avrai donato tutto te stesso.
Era un matrimonio col Demonio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...