@francesca.v.capone · Collaborazione - Autori Emergenti · contributors · Genere · Recensione · Rosa

Recensione – Al di là dei tuoi occhi – Una nuova vita _ Paola Serra

Scheda Tecnica    

  • Titolo: Al di là dei tuoi occhi – Una nuova vita    
  • Autrice: Paola Serra  
  • Data uscita: 15 ottobre 2020
  • Genere: Romanzo rosa    
  • Casa editrice: Indipendently Publishing
  • Prezzo cartaceo: 14,04 euro
  • Prezzo eBook: 0,99 euro
  • Kindle Unlimited: disponibile

Trama

Alcune ferite si sanano col tempo. Altre restano indelebili, marchiate sulla pelle.
Certe paure non si sconfiggono in un’estate, al contrario restano lì, in agguato, pronte a colpire.
Si può decidere di tenerle a bada, di reagire, o di lasciarsi andare affondando nelle insicurezze.
Questi sono i dubbi che scuotono l’animo di Beck nella ricerca di se stessa.
Noah è tornato a New York.
Lei è rimasta al ranch, a combattere da sola i suoi fantasmi, in attesa del momento in cui si sentirà pronta a spiegare le ali.
Ma esiste davvero la giusta circostanza in cui abbattere le proprie resistenze e lanciarsi verso l’ignoto? In cui rischiare tutto per ciò che potrebbe renderti felice?
Una differente città, una diversa quotidianità, un equilibrio da raggiungere. Un rapporto da costruire giorno dopo giorno, insieme. Entusiasmanti sfide da cogliere al volo.
Tra vecchie e nuove conoscenze, segreti e rivelazioni sconvolgenti, i nostri protagonisti si preparano ad affrontare un nuovo inizio… Anzi una nuova vita.
Saranno in grado di fronteggiare i cambiamenti senza perdere la giusta rotta? Potrà un’omissione mettere a repentaglio ogni cosa?
Perché l’amore a volte può bastare, altre, invece, sfaldarsi sotto le macerie della fiducia perduta.
Secondo volume de “The Munsee Series” che chiude la dilogia dedicata a Noah e Beck.
Da leggere in successione al primo.
Benvenuti nella Grande Mela, bentornati nella loro realtà.

Recensione

“Al di là dei tuoi occhi – Una nuova vita” è il sequel del primo romanzo scritto dall’autrice Paola Serra, “Al di là dei tuoi occhi – L’inizio del viaggio”. Quindi diciamo che la mia introduzione è più un avviso. È mia abitudine raccontare a grandi linee le vicende iniziali di un romanzo, perciò se non volete spoiler o se avete intenzione di leggere il primo volume magari saltate la sezione “vicende” perché potrebbe rovinarvi la lettura.
Io vi ho avvisato.

Vicende

Nel primo volume avevamo lasciato Beck e Noah… O meglio, loro si erano lasciati con tante speranze e quell’amore appena consolidato. Lei decisa a rimanere ad Hulett per rimettersi in piedi e dare un senso alla sua vita, e lui tornato a New York con la consapevolezza di dover andare avanti anche se il rapporto con il suo unico amore sarebbe stato solo a distanza. Si tuffa a capofitto negli studi e nella sua passione per l’arte, tutto pur di non sentire il cuore infrangersi ogni volta che pensa alla sua Beck così lontana da lui.

“E i corsi intensivi, gli allenamenti, le notti in biblioteca e le uscite inesistenti.
Correre, correre, correre.
Correre per non pensare. Correre per non riflettere, rimuginare, ricordare.”

Una sfida piuttosto ardua per due ragazzi giovani che si erano ritrovati in mezzo a numerose difficoltà, che avevano lottato per essere sinceri l’una con l’altro e che finalmente avevano capito di voler stare insieme.

Niente paura, dopo circa due mesi di lontananza, Beck si sente in pace con se stessa e con il suo passato perciò raggiunge Noah a New York. Sulle tombe delle due persone a lei più care, Ashley e il padre di Noah, prende la decisione definitiva, ormai pronta a imbarcarsi in una nuova avventura per raggiungere il suo amore.

“Sono convinta, stavolta. Mi prenderò cura di lui e lo amerò per entrambi. Te lo prometto. E per noi una promessa è vita, ricordi?”

Noah è ovviamente sorpreso ma talmente felice di averla di nuovo al suo fianco da non arrabbiarsi per il piccolo dettaglio che si è portata dietro Jo, un loro grande amico di Hulett. E quindi proprio all’inizio della storia si ritrovano a vivere tutti e tre insieme, incontriamo ancora anche gli altri amici del primo volume, tutti abitanti della Grande Mela.

In particolare, Jo si scontra con Sara e con tutto l’imbarazzo con cui si erano lasciati. La loro storia mi è sembrata perfetta per dare più spessore a quei personaggi secondari che nel primo volume non mi avevano convinta del tutto. Jo e Sara sono incorreggibili e carini da morire.

Comunque Beck è a New York insieme a Jo anche perché insieme dovranno partecipare a una gara di equitazione. Beck ha, grazie al suo amore per Noah, trovato il coraggio di rimontare a cavallo e di riprendere la sua carriera da dove l’aveva lasciata.

“Quello era l’attimo in cui tutto risultava immobile, fermo. Un attimo eterno. Infinito. Non sentiva i rumori proveniente all’esterno, gli ultimi preparativi, gente in fibrillazione, l’eco degli zoccoli sul selciato.”

Noah e Beck sono di nuovo insieme. Entrambi stanno realizzando i loro sogni e si godono la loro vita a New York, anche se lei ha qualche difficoltà ad ambientarsi, sono circondati da amici, sono felici insomma. Felici di quella felicità che sembra destinata a durare per sempre… Be’ se così fosse non ci sarebbe alcuna storia da raccontare.

Un segreto metterà a rischio tutto. E altri inganni potrebbe complicare la situazione. Ma si sa che alla fine è la vita stessa a essere complicata. Staremo a vedere se Beck e Noah saranno in grado di superare anche questa.

“«Tu sei il mio salto nel buio, ora e sempre.»”

Evoluzione dei personaggi

Rispetto al primo volume ho notato dei cambiamenti. Mentre ad Hulett Noah mi era sembrato molto maturo per la sua età e molto determinato, in questo sembra quasi che l’insicurezza della Beck di Hulett lo abbia contagiato. Come se fosse lui quello che non vuole accettare la realtà adesso, quello che ha paura di affrontare i problemi e soprattutto quello che ha più voglia di scappare per paura di perdere. Un’evoluzione del personaggio che mi ha sorpreso in positivo perché ha creato un Noah più fragile e umano.

Per quanto riguarda Beck… Be’ la lentezza della sua maturità si è fatta sentire anche in questo volume ma con molta moderazione. Come nel primo ho riscontrato degli atteggiamenti infantili ma che via via sono andati scemando, fino a scomparire, con l’andamento della storia. Beck aveva bisogno di questo secondo volume per chiudere il cerchio della sua crescita e penso di averla avvertita in ogni dettaglio.

“Essere coraggiosa e rischiare, era quello infondo che rendeva tutto vivido e acceso.”

Stile e struttura

La struttura del testo è pressoché identica a quella del primo volume, come si richiede a una serie. È tutto narrato in terza persona, con i capitoli che affrontano i diversi punti di vista dei personaggi e qualche flash-back utile a spiegare alcuni dettagli.

Per quanto riguarda la parte narrata, ho trovato una discreta crescita da parte dell’autrice. Le descrizioni di Hulett mi avevano colpito nel primo volume, e quelle di New York mi hanno letteralmente rapito nel secondo.

I dialoghi vanno ancora un po’ smussati e svincolati. Ancora diverse conversazioni risultano leggermente ridondanti e poco realistiche, ma mi riferisco solo ad alcuni dialoghi. Quindi anche questo volume presenta qualche piccolo difetto di editing, ma niente di irreparabile.

Trovo, perciò, che si senta la differenza di tempo tra il primo e il secondo volume. Si sente la crescita dell’autrice e i suoi passi avanti si vedono, segno che nella scrittura si può migliorare se si vuole farlo. Le faccio i miei complimenti per questa storia e per aver avuto la forza e il grande cuore di rimettersi in gioco con una seconda pubblicazione. Di certo consiglio a Paola di continuare, sono certa che abbia ancora tanto da raccontare.

In breve

“Al di là dei tuoi occhi – Una nuova vita” è il secondo, e ultimo volume, della serie creata da Paola Serra. Continuano le vicende che avevamo lasciato in “Al di là dei tuoi occhi – L’inizio del viaggio”. Beck e Noah si ritrovano finalmente a New York, dopo che lei ha fatto pace con i fantasmi del suo passato ad Hulett. Noah se la ritrova a sorpresa nel suo appartamento e la felicità è così tanta da lasciarlo senza fiato. Beck lo ha scelto e non ha più intenzione di lasciarlo. Si adatta con difficoltà ai ritmi frenetici della Grande Mela, ma tutto è più facile grazie alla sua ritrovata passione per l’equitazione. Infatti si è trasferita a New York anche per partecipare a una gara che potrebbe spalancarle delle porte fondamentali per la sua carriera. Noah e Beck sono finalmente felici, circondati dagli amici di sempre e dal loro affetto, accoccolati nel loro grande amore. Ma la vita non è mai semplice, si complica ogni giorno che passa. Un segreto rischia di dividere per sempre i due protagonisti, e le insicurezze non del tutto risolte potrebbero portare al punto di non ritorno.

Per chi ha letto il primo volume dico solo che non può perdersi la conclusione di questa storia. I capitoli finali sono stati quelli che ho apprezzato di più, quelli in cui si capisce fino in fondo il significato globale del viaggio intrapreso. Una storia d’amore fragile e forte allo stesso tempo, una storia d’amore che cerca di resistere contro ogni difficoltà, due ragazzi che ci aprono i loro cuori e ci raccontano le loro vite.

Ringrazio ancora Paola per questa collaborazione, è stata una lettura davvero a cuore aperto.
Francesca V. Capone

Un pensiero riguardo “Recensione – Al di là dei tuoi occhi – Una nuova vita _ Paola Serra

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...