@jesslibri · Collaborazione - Autori Emergenti · Contemporary Romance · contributors · Recensione · Review Party

Recensione doppia: Al di là dei tuoi occhi: L’inizio del viaggio e Una nuova vita – Paola Serra

Buongiorno splendori! Oggi sono qui a parlarvi di ben due libri, fanno parte della stessa serie – una dilogia, in realtà – e se devo essere sincera, ho deciso che fossero entrambi online prima di iniziarli. L’autrice mi ha dato la possibilità di leggere in anteprima l’ultimo uscito, e la ringrazio, ma qui troverete il mio parere su entrambi i romanzi. Vi lascio al mio parere su Al di là dei tuoi occhi: l’inizio del viaggio e Una nuova vita di Paola Serra. Entrambi li trovate disponibili su Amazon e Kindle Unlimited.

Titolo: Al di là dei tuoi occhi: L’inizio del viaggio
Titolo: Al di là dei tuoi occhi: Una nuova vita
Autore: Paola Serra
Serie: The munsee #1 e #2
Data di pubblicazione: 12 settembre 2019
Data di pubblicazione: 15 ottobre 2020
Genere: Cont. romance
Editore: Self publishing
Ebook: €0,99 e €1,99
Cartaceo: €12,47 e €14,04
DISPONIBILE SU KINDLE UNLIMITED
LINK D’ACQUISTO LINK D’ACQUISTO

Ci sono volte in cui voltarsi indietro fa ancora paura. Ci sono volte in cui vorresti che il passato restasse tale. Quelle in cui ti ritrovi “costretto” a tornare nei luoghi della tua infanzia non sapendo bene cosa aspettarti. Sono questi i timori che affiggono Noah nel suo viaggio verso casa, nella cittadina selvaggia di Hulett, dopo un’assenza durata ben cinque anni. È lì che ha lasciato una parte di sé: tra le catene montuose e “presso il grande fiume calmo”, tra le praterie e gli arbusti, tra i ranch e i cavalli, tra nuovi e vecchi amici mai dimenticati. E sarà lì che ritornerà per scoprire cosa nasconde la sua Beck: un’amica, una confidente, la sua metà perfetta. Un rapporto indissolubile, un’amicizia pura e sincera messa a dura prova da una partenza improvvisa. Ma come spesso accade nel distacco, molte cose sono cambiate, loro non sono più gli stessi: Rebecca schermata dietro i suoi muri invalicabili e con tanta rabbia da esternare; Noah, con una vita altrove, ritrova ferite che credeva aver metabolizzato. Riusciranno a ritrovare l’uno negli occhi dell’altra quella complicità smarrita, quella fiducia perduta, quell’anima affine che riusciva a leggergli dentro al primo sguardo? Riusciranno a riconoscersi accantonando il passato e scrutando il domani con nuove aspettative? Benvenuti in Wyoming, benvenuti nella loro realtà.


Alcune ferite si sanano col tempo. Altre restano indelebili, marchiate sulla pelle. Certe paure non si sconfiggono in un’estate, al contrario restano lì, in agguato, pronte a colpire. Si può decidere di tenerle a bada, di reagire, o di lasciarsi andare affondando nelle insicurezze. Questi sono i dubbi che scuotono l’animo di Beck nella ricerca di se stessa. Noah è tornato a New York. Lei è rimasta al ranch, a combattere da sola i suoi fantasmi, in attesa del momento in cui si sentirà pronta a spiegare le ali. Ma esiste davvero la giusta circostanza in cui abbattere le proprie resistenze e lanciarsi verso l’ignoto? In cui rischiare tutto per ciò che potrebbe renderti felice? Una differente città, una diversa quotidianità, un equilibrio da raggiungere. Un rapporto da costruire giorno dopo giorno, insieme. Entusiasmanti sfide da cogliere al volo. Tra vecchie e nuove conoscenze, segreti e rivelazioni sconvolgenti, i nostri protagonisti si preparano ad affrontare un nuovo inizio… Anzi una nuova vita. Saranno in grado di fronteggiare i cambiamenti senza perdere la giusta rotta? Potrà un’omissione mettere a repentaglio ogni cosa? Perché l’amore a volte può bastare, altre, invece, sfaldarsi sotto le macerie della fiducia perduta.

Al di là dei tuoi occhi: l’inizio del viaggio, è stata la prima pubblicazione di Paola Serra, e devo dire che non è stata una lettura facile facile. Il suo modo di scrivere l’ho trovato particolare, e sono poi venuta a conoscenza che prima di cimentarsi nella scrittura di questo romanzo non aveva mai scritto nulla, quindi il risultato bisogna dire che è più che apprezzabile. Ben prima di intraprendere la lettura ero a conoscenza di trovarmi di fronte a un libro scritto in terza persona e come cosa mi ha sempre un po’ frenata ma essendone consapevole, non ho trovato molte difficoltà. Ho trovato molte cose positive in questa storia, però vorrei prima focalizzarmi su quelli che secondo me sono stati dei punti più deboli: la scrittura si vede che è un po’ acerba, l’ho notato soprattutto nei dialoghi che mi sono parsi fin troppo strutturati e a tratti non del tutto scorrevoli. Ma di questo, non me ne voglia l’autrice, incolpo proprio la decisione di scrivere in terza persona. Sono dell’idea che con questa decisione venga spontaneo dilungarsi, narrando molto… ma questo ha portato il romanzo ad essere un po’ lento. La storia di Noah e Rebecca è stata ben pensata e caratterizzata, si vede il lavoro e la cura nei dettagli che ci sono dietro e l’ho molto apprezzato. Il personaggio che ho preferito di più è stato Noah, anche se avrei preferito non si lasciasse andare ai suoi sentimenti in così poco tempo. Rebecca è sicuramente il personaggio che ha più “problemi”, che deve affrontare più cose e dove l’autrice ha deciso di attirare l’attenzione sulla sua crescita. I due si conoscono da sempre, eppure poi devono dividersi per poi ritrovarsi a causa di alcuni problemi. Ho apprezzato davvero tanto la suspense che l’autrice ha messo per tutto il libro e alla fine ho capito la scelta di rendere Rebecca così chiusa, scostante, a tratti fredda… solo che per me lo è stata forse un po’ troppo. Nonostante tutto, il romanzo è scorrevole anche se l’ho trovato un po’ lento, è ben scritto e si vede che non è una storia buttata lì tanto per, e questo l’ho apprezzato. Credo ci sia ancora da migliorare ma il tutto non è da buttare via.

Per quanto riguarda Al di là dei tuoi occhi: una nuova vita, dico subito di aver visto e molto apprezzato i miglioramenti in fatto di scrittura e di “velocità” che l’autrice ha apportato. C’è da dire che tra le due pubblicazioni è passato un bel po’ di tempo, ma alla fine si dice che più si scrive, più si migliora, no? Continuo a pensare che la scrittura dell’autrice sia un po’ “acerba”, e che i dialoghi siano un po’ troppo strutturati ma in questo caso è riuscita a creare più dinamiche, a tenere ancora più alta la “suspense”, per così dire. Con il libro precedente abbiamo lasciato Rebecca e Noah separati perché comunque lei doveva risolvere i suoi problemi, superare le sue paure, ma fin da subito l’autrice ce li fa ritrovare insieme. Anche in questo romanzo Rebecca ha delle prove da superare e sono dell’idea che avrebbe dovuto viversi con più leggerezza tutta la situazione, ma per lei il passato ha un peso e andare del tutto avanti non è semplice. In questo secondo volume hanno più rilevanza anche i personaggi secondari, cosa che ho apprezzato… però ho trovato che la parte finale sia stata troppo veloce, confronto alla “lentezza” che invece troviamo prima – e per prima intendo anche nel romanzo precedente – però le faccio i complimenti perché è riuscita decisamente ad attirare la mia attenzione, facendomi apprezzare maggiormente questo volume. Bisogna ancora migliorarsi, Noah rimane anche in questo caso il personaggio che ho preferito, ma devo ammettere che si vede il miglioramento, sia in fattore di scrittura che di struttura. Man mano sono certa che l’autrice riuscirà a trovare una sua stabilità e a prenderci la mano com’è giusto che sia. Storia un po’ tormentata, quella dei due protagonisti, ma comunque ben scritta e che lascia messaggi profondi.

punteggio totale

Jess.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...