@jeyb8 · Avventura · Collaborazione - Casa Editrice · contributors · Lettura per ragazzi · Recensione

Recensione – Enola Holmes. Il caso del marchese scomparso – Nancy Springer

Scheda Tecnica

Trama

Due fratelli di troppo, un marchese scomparso e un mistero che si infittisce di minuto in minuto… niente paura, sta per arrivare Enola Holmes!

Enola Holmes non augurerebbe a nessuno di essere la sorella minore dei due zucconi inglesi più famosi al mondo. Mycroft e Sherlock Holmes. Che la guardano sempre dall’alto e la credono una femminuccia capricciosa. Per fortuna la loro madre la pensa diversamente… Quando però la donna scompare nel nulla, le cose per Enola precipitano e i fratelli decidono di spedirla in collegio, convinti che quel posto farà di lei una docile signorina. Ma Enola, che non ha mai obbedito a Mycroft e Sherlock un solo giorno in vita sua, non inizierà certo adesso. E se quei due sono troppo ottusi per aiutarla nella ricerca della madre, ci penserà lei a indagare. Così, in sella alla sua bicicletta, Enola fugge di casa e si mette in viaggio verso Londra. E se sulla strada dovesse imbattersi nello strano rapimento di un giovane marchese, be’… sarebbe l’occasione perfetta per dimostrare quanto risolvere casi sia elementare, per una Holmes! Tra intrighi, indagini e inseguimenti mozzafiato, con questo romanzo iniziano le avventure di un’eroina intelligente e caparbia, capace di farla sotto il naso dello stesso Sherlock Holmes.

Recensione

Cari lettori finalmente posso parlarvi del primo volume di sei, della seria scritta da Nancy Springer “Enola Holmes Il Caso Del Marchese Scomparso” edito Dea Planeta Libri che ringrazio infinitamente per la copia. Da dove comincio? Allora vi dico subito che io ho amato tantissimo l’adattamento cinematografico di questo libro, ma essendo appunto un adattamento molte cose non coincidono, ma perché è comunque difficile portare un libro di 222 pagine sugli schermi avendo dei limiti di tempo.

Nonostante le diversità ho apprezzato il film, ma il libro è tutt’altra storia. Inizio col parlarvi della veste grafica: a primo impatto possiamo osservare una sovraccoperta del libro, dedicata al film uscito il 23 settembre sulla piattaforma di Netflix diretto da Harry Bradbeer: in copertina possiamo ammirare la giovane protagonista Enola interpretata da Millie Bobby Brown (già vista come protagonista della serie televisiva Stranger Things), insieme con altri personaggi: i suoi fratelli Mycroft (interpretato da Sam Claflin) e il famoso detective Sherlock Holmes (interpretato da Henry Cavill), il marchese, la madre dei fratelli Holmes e tanti altri, contornati da un’affascinante Londra del 1800.

Andando a levare questa sovraccoperta troviamo invece quella dedicata proprio al libro dai colori rosso con centro la giovane protagonista insieme a diversi indizi che sono parte del libro. Sono due sovraccoperte diverse ma entrambe bellissime, tra le due è davvero impossibile scegliere. La scrittura di Nancy Springer è semplice, fluida, accattivante e piena di dettagli preziosi, anche le ambientazioni sono scritte in una maniera incantevole non tralasciando alcun particolare si entra proprio in una Londra nell’epoca vittoriana con le usanze e vestiti di quel periodo.

Visivamente il lettore riesce a entrare in perfetta simbiosi con quel contesto è stato davvero pazzesco. Sicuramente è un libro per ragazzi ma questo non vuol dire che gli adulti non possano leggerlo anzi, io non sono più una bambina ma mi sono persa completamente tra le pagine di questo romanzo.  Penso che al mondo non esista una persona che non ami la figura di Sherlock Holmes nato dalla grandissima penna di Sir Arthur Conan Doyle. Ammetto che rivederlo nei panni del fratello della protagonista della nostra storia è stato strano anche perché è un personaggio difficile da mettere in secondo piano e invece Enola Holmes ha fatto breccia nel mio cuore è davvero una ragazzina caparbia, che non ama le rigide regole della società una vera e propria girl power nonostante la sua giovane età. La storia è raccontata in prima persona dalla protagonista, Enola che il giorno del suo quattordicesimo compleanno riceve un amaro dono: la madre è scomparsa lasciandole solamente un regalo. Nessuna spiegazione, nessun indizio, il vuoto totale.

“Mi piacerebbe molto sapere perché mia mamma mi ha chiamata “Enola”, che, se letto al contrario, in inglese significa, sola.”

Non sapendo cosa fare né come trovare, la sua amatissima madre Enola manda un telegramma ai suoi fratelli che non vede da dieci lunghi anni: Sherlock e Mycroft Holmes.

“Mi chiesi se i miei fratelli mi avrebbero riconosciuta dopo dieci lunghi anni. Perché non fossero mai venuti a far visita a nostra madre, e perché noi non fossimo mai andate a trovare loro..”

Già dal primo incontro capiremo che la madre ha fatto determinate scelte molto ambigue truffando addirittura il figlio maggiore Mycroft, chiedendogli esorbitanti somme di denaro per la casa, per i dipendenti e per l’istruzione della sorella minore. Peccato che questi soldi non siano mai stati sfruttati come dovevano ma quindi questi soldi come sono stati utilizzati?

“Nessuna persona affetta da demenza senile sarebbe stata in grado di tenere con chiarezza e ordine perfetto i conti che mi ha mandato lei durante questi ultimi dieci anni, indicando in dettaglio le spese sostenute”

Enola si sente molto sola, ha paura per la madre ma soprattutto sente la sua mancanza. Nessuno dei due fratelli da davvero peso al fatto che la madre sia scomparsa, anzi entrambi pensano che sia fuggita per scelta cosa che fa infuriare davvero Enola. Diciamo che con la scomparsa della madre ora la giovane ragazza è sotto la tutela del fratello maggiore Mycroft che vuole mandarla in un collegio per donne di alta società, ovviamente Enola non è assolutamente d’accordo e cosi non perde tempo, decidendo di allontanarsi da quella casa, dai suoi fratelli (che non la considerano nemmeno) alla ricerca di sua madre, affrontando tutte le sfide che il destino ha in serbo per lei.

Nella sua fuga inciamperà in un altro mistero quello della scomparsa del giovane marchese Tewksbury . Pronta a investigare la nostra giovane Enola metterà in capo tutti i suoi segreti e tutti i suoi studi per fare breccia sui misteri che circondano Londra. Un mix d’intrighi, segreti e azione che terrà il lettore incollato pagina dopo pagina. Personalmente ho trovato anche il finale molto prezioso ma sono davvero troppo curiosa di leggere i prossimi volumi e vedere un crescendo del personaggio di Enola Holmes.

Cosa accadrà ad Enola? Riuscirà a risolvere il caso del marchese? Troverà sua madre? Non vi resta che leggere questo avvincente libro per scoprirlo e badate bene che è diverso dal film! Per gli amanti delle graphic novels, trovate LE INDAGINI A FUMETTI di “Enola Holmes Il caso del marchese scomparso” sempre edite DeA. Credo proprio che la nostra giovane protagonista avendo conquistato così tanti lettori non si sentirà cosi sola come il suo nome non trovate?

Giada

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...