Amministratrice @unteconlapalma · Collaborazione - Autori Emergenti · Contemporary Romance · Recensione · Suspense

Recensione – Love and Revenge – Silvia Mero

Buongiorno fanciulli e benvenuti in questa recensione dedicata alla prima uscita di Silvia, autrice self aiutata dalla sottoscritta ad incoronare il suo sogno attraverso la copertina e l’impaginazione perfetta per la storia.

Scheda Tecnica

Instagram: @mi.perdo.nei.libri
Facebook: Silvia Mero

Trama

Vendetta.
Questo è l’obiettivo che Dwayn Lancaster tenterà in ogni modo di portare a termine.
Per ottenere tutto ciò, non si fermerà davanti a niente, anzi. Approfitterà dei legami familiari della sua vittima e tenterà in ogni modo di insinuare la paura e la sconfitta nell’anima del suo nemico.
Riuscirà davvero a fargliela pagare?
Non vi resta che scoprirlo.

Biografia

Silvia Mero nasce a Roma l’8 Ottobre del 1992.
Frequenta le scuole della sua città, si diploma al liceo classico e si laurea in “Tecniche di Fisiopatologia Cardio-circolatoria e Perfusione Cardiovascolare”, all’Università di Roma – La Sapienza.
Inizialmente non amava leggere, anzi i libri rappresentavano una forzatura e una tortura. Ma un giorno, una sua amica le suggerì di leggere “Twilight” e da lì iniziò la sua passione.
È un’inguaribile romantica, e crede nell’amore come elemento fondamentale della vita di ognuno.
Ha iniziato a scrivere per caso e ha scoperto che, in fondo, le piace tanto quanto leggere.
Ama viaggiare e il suo desiderio è visitare più paesi possibili per conoscere le diverse culture.
Chissà dove la porterà la sua vita, ma per ora lei ama ripetere: “Se non puoi viaggiare, leggi un libro e vivi mille vite, visitando il mondo”.

Recensione

Una delle trame più esplicite e chiare dell’ultimo periodo, illustra il messaggio intrinseco del libro senza presentare i personaggi. Otticamente può sembrare un grande azzardo ma, infondo cos’è la vita senza il rischio?!? Ho apprezzato questa scelta perché lascia scoprire il lettore, la storia dei protagonisti.
Utilizzando il titolo e la sua traduzione letteraria, ci concentriamo su due sentimenti così contrastanti e, allo stesso tempo, paralleli. Una storia che inizia narrandoci la scarcerazione forzata di un detenuto molto temuto, soprattutto per il detective Evan Grayson perché consapevole della grande responsabilità nei confronti del famigerato Dwayn Lancaster.

Come da consuetudine, la vendetta è un sentimento difficilmente inquadrabile e “gestibile” perché varia da persona a persona, dalla motivazione e il tempo di maturazione e Dwayn non desidera altro che la totale pazzia del giovane detective.
Fortunatamente Evan non è solo perché dietro di lui, aleggia la pacatezza del collega Brandon, ma una vecchia ombra tornerà per ricordare l’altra parte della medaglia: l’amore.

Scuoto la testa «Non posso credere che quel bastardo sia ancora in grado di nuocere…ricomincerà tutto» sussurro nervoso.
Aumentando la presa, il mio migliore amico promette: «Non accadrà. Lo ributteremo in cella e stavolta per sempre.»

Essendo una storia di media lunghezza, noteremo una certa frettolosità degli eventi; credo che l’autrice ha scelto questo “ritmo” per non appesantire la situazione ma, naturalmente è proporzionata al contenuto.
Capiamo fin da subito la gravità della situazione da avvenimenti e minacce ben palesi: la vita delle persone care a Evan, è in pericolo.
Ma la nostra storia prende una piega romantica grazie alla presenza di un vecchio fantasma del passato che metterà a dura prova il rapporto tra Evan e Brandon…la sorella di quest’ultimo è tornata in città.
Katy, detta “nocciolina”, metterà il nostro macio detective in difficoltà perché l’amore reciproco, è bloccato.

Una storia raggiunge un mix tra storia d’amore e tensione vendicativa sempre costante amalgamati in una narrazione molto pulita. Non troverete scene alla CSI dove tra provette e congegni strani, escono analisi con valori incomprensibili per chiunque; Silvia si mantiene e ci trattiene sulla terra ferma, semplificando e concentrandosi in egual modo tra narrazione e azione, senza sovrastare i contenuti.
Qualsina…ina…ina…potrebbe spaventarvi ma da un poliziesco non posso aspettare di meno.
Se desiderate una storia veloce, semplice e intuittiva, è il titolo adatto a voi, contemplando il valore dell’amore e del “tempo” perduto, ricordandosi che la vita è solo una e non possiamo farci sopraffare dalla “paura” (in più ottiche) non approfondisco per evitare spoiler.

Come riferito preventivamente all’autrice, alcune situazioni andavano maggiormente studiate e motivate soprattutto in un genere dove l’indizio minimo è molto importante.
Per concludere vi confermo la fluidità narrativa dell’autrice, motivato dal punto di vista alternato tra Evan e Katy, intervallato dai pensieri macabri di vendetta del caro Dwwayn.

Come andrà a finire?
Consigliato

Alla prossima dalla vostra CAPPELLAIA MATTA.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...