Amministratrice @unteconlapalma · Collaborazione - Autori Emergenti · Recensione · Rosa

Recensione – Rimani un attimo – Stefania Salerno

Benvenuti fanciulli in questa recensione dedicata ad un libro molto curioso e dalle sfaccettature mutabili in base allo sguardo di riferimento.
Ringrazio l’autrice per la copia cartacea omaggiata e il confronto avvenuto a fine lettura perché, anche se l’opera deve parlare da sola, avere un dialogo su alcuni punti decisivi, aiuta a confermare e mutare alcuni pensieri.
Sono felice di sapere che i miei consigli sono stati ampliamente presi in considerazione.

Scheda Tecnica

  • Titolo: Rimani un attimo
  • Serie: Wild Wood Ranch
  • Autore: Stefania Salerno
  • Genere: Romanzo Rosa, Country Romance
  • Copertina flessibile : 477 pagine
  • Editore : Independently published
  • Data pubblicazione:
    Prima Edizione _ 12 maggio 2020
    Seconda Edizione _ settembre 2020
  • Cartaceo: 16,54 euro
  • Ebook: 5,00 euro
  • Kindle Unlimited: Sì

Trama

Daisy Louise Raynolds seppur giovanissima, ha già trascorso tutta la sua vita lottando contro il suo passato. Una famiglia distrutta, uno stupro in giovane età, problemi giudiziari, nessuna vita sociale ne storia d’amore che gli abbia mai consentito di ricostruirsi una vita. Non c’è lavoro per lei a Jason City, ma solo brutte voci che la perseguitano. Ad aiutarla arriva un programma di aiuti che casualmente decide di assegnarle un lavoro in un ranch nel Nord Montana. Li incontrerà uno dei cowboy più sexy e sfacciati della zona. Keith è bello forte e muscoloso, e la sua reputazione dice tutto di lui. Si occupa dell’allevamento di bovini con il fratello Mike nel Ranch di famiglia. Uno dei suoi limiti più grossi? Le relazioni con le donne. Certo, lavorando costantemente nel ranch non è mai stato facile per lui crearsi una relazione stabile. E questo lo ha reso un amante rude e selvaggio. Nessuna donna ha mai resistito al suo fascino, ne mai nessuna però è rimasta.Lavorare con Daisy è come avvicinare la benzina al fuoco. Vivendo sotto lo stesso tetto si scontreranno con i propri limiti e paure e faranno i conti con il loro passato. Cominceranno a desiderare entrambi un qualcosa che l’altro forse non potrà mai dare?

Recensione

Essendo il primo volume della serie Wild Wood Ranch abbiamo molto di cui parlare: cercherò di fornirvi le giuste informazioni senza scadere negli spoiler e mettere tutte le carte in tavola.

Iniziamo presentando i personaggi primari e l’ambientazione. Daisy è una ragazza in serie difficoltà economiche, al tal punto da vivere in una roulotte e faticare nella ricerca di un lavoro perché marchiata di un passato che lei stessa non desiderava.
Come succede in molti casi letterari, la fortuna bussa alle persone in difficoltà attraverso un contratto “umile” come governante di un ranch; occasione d’oro sia per il suo trascorso ma, soprattutto, il luogo da raggiungere. Lontano dagli occhi, lontano dal cuore.

Daisy dovrà prendere i suoi pochi averi, lasciare la casa “sgagherata” e la sua migliore amica Megan, l’unica figura stabile e constante nella sua vita. La protagonista viene presentata come ragazza solitaria, introversa e poco dedita al dialogo perché predisposta alla poca fiducia nel genere umano.
Un percorso fatto di grandi sacrifici e pochi attimi belle e spensierati.

Ma il ranch aspetta solo lei, attraverso gli occhi speranzosi dei due omoni cowboy. Mike e Keith si presentano come specchiati, le loro personalità si scontrano per diversità e spirito. Diplomatico e freddo, rispetto al giocoso e socievole fratello (ovviamente dovrete capire da soli a chi è riferito, cosa); unico punto in comune (almeno apparentemente) è lo stesso ranch ottenuto con sacrifici passati e presenti, un frutto che deve raggiungere la completa maturità.

E da queste basi che introduciamo il primo volume. Parlando di una storia composta da 477 pagine (versione flessibile) abbiamo diversi argomenti in ballo e desidero lasciarvi il tempo di scoprirli piano piano.

Cosa penso di questa storia???
Citando l’unica problematica, visibile dalla trama, ho apprezzato lo sviluppo psicologico della protagonista Daisy dedicata all’abuso fisico in tenera età e gli effetti derivanti su corpo e mente. Nel susseguirsi di storia e situazione, avrete sempre ulteriori dati per chiarire e illustrare il quadro della situazioni. Non troverete una chiusura netta o una risoluzione specifica perché deduco il futuro svolgimento della serie.

Una delle problematiche di questo libro è riconducibile all’argomentazione. Trattando un tema così radicato e “pesante”, avrei preferito alcuni momenti di spensieratezza per offrire respiro e distensione creata dall’umore negativo. Per fare un esempio semplice: è come alimentare il fuoco di un camino, in una camera dalle finestre chiuse, a lungo andare manca l’ossigeno.
Questo è dovuto dalle numerose tematiche trattate, sarebbe opportuno pochi ma buoni, rispetto a troppi e dispersivi.

Altro aspetto da considerare è la “quotidianità” del ranch descritto in maniera didascalica e ripetuta nel tempo, portando a ripetizioni utili ad argomentare pensieri o stati d’animo che non vengono mai palesati a pieno. Questo aspetto è dovuto dalla mancanza dell’editor che permette di amalgamare pensieri, narrazione e dialogo.

Riferisco anche la presenza di refusi nella copia in mio possesso, prontamente corretti (come riferito dalla stessa autrice) sulla copia presente in commercio.
Non conoscendo lo stato di “pulizia” attuato (visto esempi passati) preferisco annotarlo e specificarlo.

In conclusione ritengo la storia valida e dalle giuste fondamenta. Non mi soffermo molto sulla “situazione” dei due fratelli perché vengono argomentati nella storia già avviata.
Personalmente reputo necessario un’opera di editing per alleggerire la storia sia da parti ripetute, che da “situazioni” numerose. Nel complesso la vita di Daisy toccherebbe chiunque e sono felice che esistono storie simili per sensibilizzare il pubblico sull’abuso e il mutamento mentale e fisico.

Spero di aver espresso il mio parere nel migliore dei modi e completo di dettagli approfonditi senza spoiler.

Alla prossima dalla vostra CAPPELLAIA MATTA.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...