@jesslibri · Collaborazione - Autori Emergenti · contributors · Recensione · Review Party · Sport Romance

Review Party: Il mio inganno preferito sei tu – Karla Sorensen

Buongiorno splendori, eccomi qui anche oggi con una nuova recensione. Il romanzo di cui sto per parlarvi l’ho letto in anteprima e non sono rimasta per niente sorpresa di adorarlo così tanto… in parte è sicuramente dovuto al fatto di conoscere oramai la penna di questa autrice e in parte perché ero curiosa e sono rimasta veramente contenta di non esserne rimasta delusa. Sto per parlarvi del secondo romanzo della serie Ward family, scritto da Karla Sorensen e tradotto da Paola Ciccarelli: Il mio inganno preferito sei tu.

Titolo: Il mio inganno preferito sei tu
Autore: Karla Sorensen
Serie: Ward family #2
Data di pubblicazione: 08 settembre 2020
Genere: Sport romance
Editore: Self publishing
Ebook: €3,37
LINK D’ACQUISTO

Ogni azione ha una conseguenza, e Claire Ward lo sa bene. Tuttavia, pur sapendo che fingersi sua sorella gemella Lia per una sera potrebbe rivelarsi disastroso, lo fa comunque. Perché? Perché questo le permetterà di trascorrere una serata con il ragazzo per cui ha una cotta da anni: Finn, il miglior amico di Lia. Miss Studentessa Modello ha considerato la cosa sotto ogni punto di vista, e sa che vale la pena correre il rischio. E andrebbe tutto bene se fosse Finn a presentarsi alla sua porta. Ma non va così. Bauer Davis, il fratellastro e l’esatto opposto di Finn sotto tutti gli aspetti, è colui ad attenderla sulla soglia di casa. Bauer è uno snowboarder professionista coperto di tatuaggi, pieno di sé e con un cruccio grande quanto il Monte Olimpo. Il tipico cattivo ragazzo da cui Claire non è mai stata attratta prima. Adesso la brava ragazza è costretta a passare la serata con il fratello sbagliato, e mai e poi mai avrebbe potuto prevedere che questo li avrebbe obbligati a fingere di stare insieme. Ma forse, solo forse, ciò che rende Bauer così cattivo è esattamente quello di cui Claire ha bisogno.

Ho scoperto i libri di Karla Sorensen per caso e ancora più per caso ho iniziato ad avere a che fare con la traduttrice dei suoi romanzi… ma posso dire una cosa: sono diventati una droga! Sapevo che Il mio inganno preferito sei tu avrebbe parlato di Claire e devo dire che la curiosità era tanta. In parte grazie alla trama, in parte perché già nella serie cardine si era parlato delle gemelline e il loro rapporto mi aveva ipnotizzata e divertita, quindi non vedevo l’ora di saperne di più.

“Indipendentemente da quanto poco ci guardavamo o toccavamo, desideravo Claire così tanto che avrei potuto sciogliere ogni centimetro di neve che ricopriva la foresta fuori dalla baita”.

Claire è la classica brava ragazza con la testa sulle spalle, studiosa, ligia al dovere e con una cotta per il migliore amico della sorella. Ed è proprio a causa sua che si ritrova a una serata elegante a fingersi la sua gemella. Solo che ad attenderla si trova il fratello “cattivo”, che non conosce e che in qualche modo le riscalda il cuore, che le fa sentire le farfalle nello stomaco, che la vede veramente, la capisce. Non so cosa significhi avere una sorella, figuriamoci una gemella ma il rapporto tra Claire e Lia mi è sempre piaciuto, anche se identiche esteticamente, caratterialmente sono l’una l’opposto dell’altra. Fingersi un’altra persona non è facile e Claire lo dimostra fin da subito ma pensava di poter almeno fregare il fratello sconosciuto della sua cotta. Non avete idea di quanto si sbagliava.

Bauer è un cattivo ragazzo, o almeno è quello che cerca di dimostrare e che ha sempre pensato di essere, ma davanti a Claire diventa qualcos’altro, qualcun altro. Una persona migliore. Non è solo il figlio degenero, non è solo lo sportivo e non è solo il ragazzo pieno di tatuaggi e con la vita incasinata. Claire riesce fin da subito a vedere altro, insieme le scintille sono troppe per non notarle o far finta di niente. Di certo, però, non credevano di doversi fingere fidanzati. Di certo non pensavano che fare una buona azione li avrebbe portati a dover stare qualche giorno in una baita sperduta e bloccati a causa della neve. E cosa ancora più importante, nessuno dei due aveva anche solo sperato che pochi giorni insieme alla persona giusta avrebbe portato a cambiamenti immensi e che avrebbero accolto tutto a braccia aperte e con una semplicità incredibile.

“Stava cercando di fare ciò che riteneva giusto, ciò che era onorevole. L’uomo che si sforzava così tanto di fingere che non gli importasse niente di quello che la gente pensava stava mettendo le mie incertezze davanti ai suoi bisogni, talmente tanto che non mi veniva in mente una sola risposta intelligente”.

Mi sono rivista parecchio in Claire e capisco l’attrattiva per il cattivo ragazzo di turno ma Bauer mi è piaciuto soprattutto perché in realtà non è un cattivo ragazzo e con lei lo ha dimostrato quasi da subito. Si è mostrato giovale, alla mano, simpatico, intelligente, arguto e tutto sommato non si è mai tirato indietro a niente. Insomma, potremmo dire che il cattivo ragazzo si redime ma dietro c’è molto di più e la Sorensen ha deciso di trattare tutto con leggerezza, con una scrittura scorrevole e fluida come al solito, portandomi alla fine del libro quasi senza rendermene conto. Se cercate una storia scritta bene, leggera, interessante e anche un po’ sexy, questo romanzo fa decisamente per voi.

“Eravamo il prodotto delle nostre circostanze, ma non dovevamo lasciare che quelle circostante condizionassero ogni scelta che prendevamo”.

punteggio

Jess.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...