@jesslibri · Collaborazione - Casa Editrice · Contemporary Romance · contributors · Review Party

Review Party: La vertigine che ho di te – Gina Laddaga

Buongiorno splendori! Eccomi qui con una nuova recensione, anch’essa una collaborazione e lo dico con un sorriso, perché l’autrice di questo romanzo avevo pubblicato questa storia in self ma poi la Literary romance l’ha notata. Sto per parlarvi de La vertigine che ho di te, di Gina Laddaga.

Scheda tecnica

Titolo: La vertigine che ho di te
Autore: Gina Laddaga
Data di pubblicazione: 1 giugno 2020
Genere: Cont. romance
Editore: Literary romance
DISPONIBILE SU KINDLE UNLIMITED!
Ebook: €1,99
Cartaceo: €9,13
LINK D’ACQUISTO

TRAMA

Davide Marchesi era perfetto. All’apparenza. Era il ragazzo giusto. Per gli altri. Davide Marchesi era il demonio, ma Leda lo capì troppo tardi. Leda è una tranquilla ragazza di Firenze. Era solare, allegra e spensierata prima di incontrare Davide. Ora è introversa, diffidente verso gli altri e sempre tesa per paura che lui possa tornare, perché è solo grazie all’intervento del fratello che, accorso in suo aiuto dopo l’ennesima aggressione di Davide, si è scampata la tragedia. Per Leda tornerà mai la normalità? Potrà fidarsi nuovamente di un uomo? L’incontro con Sebastiano sembra aprire un varco di speranza nel suo cuore ferito. Perché i segni dell’anima sono più difficili da rimarginare di quelli fisici.

RECENSIONE

La prima versione de La vertigine che ho di te l’ho letta la scorsa estate, ma nonostante sia passato quasi un anno, la storia ce l’avevo ancora abbastanza fresca in mente ed è stato un piacere vedere i cambiamenti che sono stati apportati e nello stesso tempo… beh sì, vedere anche la crescita di Gina Laddaga.  Ci sono giustamente stati dei tagli e delle aggiunte ma lo scheletro – bene o male – è rimasto lo stesso e mi ha fatto veramente tanto piacere ritrovare la delicatezza di questa storia.

I temi trattati sono purtroppo fin troppo reali e imbattersi in uomini come Davide non è mai un bene ed è qualcosa che lascia il segno, letteralmente. Eppure Leda risorge dalle sue ceneri, accanto al suo angelo custode: Sebastiano.

La vertigine che ho di te è in grado di scaturirti un sacco di emozioni: rabbia, incertezze, paure e anche speranza. Ma sarò sincera, se dovessi scegliere tra le due versioni, sceglierei quella self. Non so, ho sentito più empatia con i personaggi, li ho trovati quasi più profondi. Ad un certo punto ho anche creduto che l’autrice avesse stravolto la storia e che di conseguenza non tutto fosse come doveva essere, ma Gina Laddaga in questo ha mostrato proprio la sua bravura, ovvero ha ristabilito l’ordine. Non solo nella storia, ma anche nei personaggi, nel cuore di Leda, nella forza di andare avanti e superare con il tempo le cicatrici inflitte da terzi. Ricordiamoci sempre che un abuso non finisce con l’atto in sé, ma si protrae col tempo e l’autrice in questo ha avuto il coraggio di mostrare il dopo.

Il romanzo inizia facendoti vedere il peggio, ma piano piano si snoda, mostrandoti anche la delicatezza e il romanticismo che ti permette di rimanere incollato al romanzo fino alla parola fine.

Ottimo lavoro, soprattutto per quanto riguarda la crescita dell’autrice, la storia l’avevo trovata buona anche precedentemente e tenere il livello alto non era facile.

Jess.

Un pensiero riguardo “Review Party: La vertigine che ho di te – Gina Laddaga

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...