Amministratrice @unteconlapalma · Collaborazione - Autori Emergenti · Fantasy · Fantasy Storico · segnalazione · Storico

Segnalazione – Fuoco sotto la terra – Giulia Esse

Scheda Tecnica

Trama

“Nell’inganno apprenderà l’arte della lealtà”

Dopo la misteriosa morte di suo padre, Yoon-ah viene eletta generale dell’esercito. Per salvare il regno di Nadong da una terribile profezia, Yoon-ah è costretta a inghiottire l’orgoglio e perdere la battaglia: il suo destino è essere trascinata in catene nel regno nemico, dove sarà prigioniera di Kang-jo, lo stratega dal cuore di ghiaccio. Lui è l’acqua, lei il fuoco. Entrambi sanno che la guerra non è mai finita: il gioco di seduzione che si instaura tra loro è un nuovo campo di battaglia. Sola in una terra straniera, odiata dai suoi soldati, Yoon-ah ha come unico alleato l’astuto Namgil, principe in ostaggio e sua vecchia conoscenza. Lavorando nell’ombra, i due possono ancora risollevare le sorti del loro regno. L’inganno lega Yoon-ah allo stratega. La lealtà la unisce al principe. La scelta, però, è vicina: sacrificherà se stessa o i propri ideali?

Biografia

Giulia Esse è nata a Velletri nel 1991, la città che ha dato i natali ad Augusto, di cui va fiera anche in virtù della recente laurea in Archeologia Classica conseguita a Roma La Sapienza.
Ha esordito nel 2019 con il romanzo storico ambientato nella Venezia di fine Settecento, L’amore al tempo della musica, edito dalla collana “Io me lo leggo”. È una delle vincitrici del concorso letterario Guerriere indetto da Le Mezzelane Casa Editrice, con il racconto fantasy orientale Senza Nome. In collaborazione con Chiara Saccuta ha pubblicato il primo volume di una saga fantasy orientale, Cieli di Sangue, edito dalla Delos Digital.
La scrittura è un lavoro che la accompagna insieme al sogno di proseguire i suoi studi nell’ambito della museologia.

Estratto

L’acqua aveva il potere di riempire i vuoti, di mutare forma e persino di nascondersi. Vi era qualcosa di crudele, o forse di codardo, nell’acqua, ma era quella la sua natura. Dopotutto, essa dissetava e rinvigoriva i campi. Quando veniva a mancare il mondo crollava in ginocchio, organizzava cerimonie per evocarla. Era venerata, nonostante fosse intessuta di inganno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...