Amministratrice @unteconlapalma · Autobiografia · Collaborazione - Casa Editrice · Diario · Recensione

Recensione – Carpi Qualità – Anna Cavazzoli Dotti

Buongiorno fanciulli e benvenuti in una nuova recensione dedicata ad un libro che, nelle sue piccole dimensioni, aveva scaturito in me molta curiosità perché affascinata dal tema della moda applicata ad una storia nel corso del tempo…ero piena di aspettative.
Ringrazio la casa editrice per avermi omaggiato della copia cartacea e cartolina annessa che richiama il titolo ma, soprattutto, un messaggio intrinseco nel libro.

Scheda Tecnica

Trama

Attraverso questo diario, Anna Cavazzoli Dotti, vuole lasciare una immagine, non solo di sé stessa, ma di una intera generazione di imprenditrici tessili, che hanno visto il boom economico e che hanno lottato con tutte le loro forze contro la crisi. La sua storia racconta di momenti difficili, ma anche di speranza e rinascita. Il desiderio di imprimere su carta le sue sensazioni e i suoi ricordi ha dato vita a Carpi Qualità, che vuole essere una dedica alla sua famiglia e alla sua città.

Recensione

Quello che abbiamo tra le mani è un chiaro riferimento allo spaccato economico più difficile verso piccole e grandi imprese; una crisi talmente prepotente da spaccare vite e persorsi.

Oggi ascoltiamo, attraverso le parole di Anna Cavazzoli Dotti, il diario della sua vita che narra di guerra, semplicità ma anche coraggio di rischiare, di puntare ad un sogno, una rinascita.
Ecco perché nasce APRICOT, una realtà imprenditoriale dedicata alla moda e alla voglia di creare qualcosa di proprio nel presente per condividerlo nel futuro.
Ma i sogni sono fatti da rinunce e difficoltà, come il crollo economico e relativo fallimento e/o bancarotta di diversi settori imprenditoriali.

L’autrice narra tutte le insidie nascoste, sacrifici compiuti per non perdere tutto e, soprattutto, il suo sogno.
La prosa e, relativa struttura, richiama molto le pagine di un diario raccolte nel tempo e racchiuse in un libro, tanto da amalgamarsi tra presente e passato.

La problematica riscontrata è proiettata proprio sulla scrittura molto acerba e didascalica. Ricorda vagamente un compito a scuola dove si descrive le situazioni senza entrare troppo nel merito e provocando così il distacco tra lettore e storia.

Essendo una “biografia” e narrando un contesto storico così tanto difficile e controverso, speravo in un linguaggio più ricercato e riflessivo.
Anche il percorso di rinascita al femminile scalfisce solo la superficie senza soffermarsi troppo sui dettagli.

Trovo questo progetto lodevole ma da migliorare sotto molti punti di vista. Piccolo appunto sul prezzo troppo elevato per un prodotto di questa qualità e, dal quantitativo irrisorio di pagine.

Mi dispiace ma le grandi aspettative non sono risultate soddisfacenti, personalmente.

Un bacio dalla vostra CAPPELLAIA MATTA.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...