Amministratrice @unteconlapalma · Collaborazione - Autori Emergenti · Collaborazione - Casa Editrice · Recensione · Rosa

Recensione – Il mio posto nel mondo – Luana Papa

Buongiorno fanciulli, giuro non siete pronti a questa recensione, come non sono pronta io a parlarvi di un libro che, ancora oggi dopo vari giorni dalla sua conclusione, porto ancora nella mia testa e nel mio cuore. Un libro viscerale e intenso tanto da farti provare 1000 e un’emozione. Ecco che vi presento il libro di Luana Papa edito NewBook Edizioni, che ringrazio per la fiducia costante riposta in me.

[Ma in quel periodo, quando tutti i perché e tutti i ma non avevano potere su di me, ho vissuto il momento più bello della mia vita.]

Scheda Tecnica

Sinossi

Zac ha vent’anni e da qualche tempo vive a New York, dove si è trasferito per studiare e per scappare da un dolore inconfessabile. Quando però fra i corridoi dell’università si scontra con Rebekah, capisce che possiamo allontanarci da un luogo, ma mai da quello che ci portiamo dentro. Fra di loro si crea quella complicità innata che lega alcuni sconosciuti fin dal primo sguardo, ma per amare davvero, il cuore deve essere al posto giusto. Zac invece, il suo, lo ha lasciato per strada senza avere più il coraggio di tornare indietro a raccoglierlo. E così accade quello che succede davanti a molte cose belle: una parte di noi vorrebbe fare un passo avanti, l’altra vorrebbe voltarsi e farne cento indietro. Perché qualche volta la persona giusta arriva nel momento sbagliato, e l’amore è così, inaspettato: ci affanniamo a cercarlo e non si fa trovare, poi arriva quando non lo cercavamo affatto.

Recensione

[Se vogliamo stare bene ascoltiamo ciò che ci dice la mente. Se vogliamo stare male, beh a quel punto apriamo il nostro cuore. Sono Zac Malik, ho vent’anni e il mio cuore non lo ascolto già da molto tempo.]

Conosciamo il nostro protagonista Zac con poche e semplici parole che descrivono al meglio il percorso emotivo di un personaggio tormentato da un passato lontano ma pur sempre vicino, al suo cuore.

Un ragazzo sempre pronto a schivare ogni ostacolo umano, senza provare a instaurare qualsiasi tipo di rapporto tranne la sua famiglia e il suo migliore amico, trovato e mai abbandonato, durante il suo trasferimento da Londra a New York e vivendo perennemente tra casa e accademia. Un tipo solitario e riflessivo, tanto da non rendersi conto di cosa succede al di fuori dal mondo, oltre il suo sguardo.

[Ognuno di noi ha i propri demoni che lo perseguitano. Le paure, le insicurezze, i ricordi di un passato tormentato. Non abbiamo via di scampo, ciò che siamo stati e ciò che abbiamo fatto ci perseguiterà sempre. In qualunque parte del mondo in cui saremo.]

Capiamo subito che la sua personalità non è dovuta al “diventare figo perché sono tenebroso” anzi, il suo percorso è molto difficile e tortuoso tanto da ringraziare la stessa Luana per aver sviscerato ogni suo pensiero. Ogni capitolo è pieno di discorsi rivolti alla mente di Zac ma facilmente collocabili alla nostra vita. Credo di non aver mai sottolineato così tanto un libro (e non sono un’amante di questa pratica).

Luana attraverso i pov alternati, sviluppa una prosa poetica, pulita e descrittiva; non tanto per narrarti l’aspetto estetico e “quanto sia lunga la barba di Zac” ma, piuttosto, cosa spinge una persona a chiudersi così tanto in sé, senza via d’uscita e soprattutto senza voglia di vivere e andare avanti.

[Tutti noi abbiamo un trauma, un graffio che ci portiamo dentro per tutta la vita.
Ognuno di noi ha i propri lividi da dover curare.
Le cicatrici sono incise sulla nostra pelle come tatuaggi e segnano un momento particolare della nostra storia, un momento che mai potrà essere dimenticato.
Sono fermi, incisi sulla nostra pelle e ci ricordano ciò che è stato, ciò che è successo lungo la nostra fragile esistenza.
Alcune sono visibili agli occhi di tutti, altri solo ai nostri.]

Ed è qui che compare la figura femminile che porterà con se, scompiglio e voglia di rischiare. Il legame con Reb è stato immediato e la compatibilità con la mia personalità è stata sconvolgente. Un peperino in movimento, costantemente felice di sorridere alla vita, senza mai rimpiangere nulla con tutte le proprie cicatrici.

Bene fanciulli, uno dei temi trattati è proprio il valore della nostra vita, piena di momenti negativi e positivi, tassello dopo tassello di una personalità nata tra sbagli e vittorie, lacrime e sorrisi, semplicemente vivendo.

Posso dirvi che non è un libro semplice, anzi, tutt’altro. Forte, tenace, dolce e amaro, un mix di emozioni e brividi fatto in persona. Luana ha la capacità di portarti all’estremo e dirti, solo alla fine del libro, perché Zac è fuori dal suo cuore.

E cosa c’è al centro del libro? Semplice, dovete scoprirlo!!!

Sono estremamente entusiasta di aver assaporato un briciolo del talento di Luana, ha trasmesso tutto alla perfezione rendendo il patos il mio pane quotidiano. Meraviglioso!!! SUPER CONSIGLIATO!!!

Un bacio dalla vostra CAPPELLAIA MATTA,
Palma.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...