Amministratrice @unteconlapalma · Collaborazione - Autori Emergenti · Narrativa Contemporanea · Recensione

Recensione – Amare oltre i limiti del cuore – Fabio Suraci

[Forse non avrebbe mai riacquistato la memoria, forse il suo futuro sarebbe stato questo: vivere una vita nuova ignorando il passato.]

Scheda Tecnica

Sinossi

Carol Bando è una ragazza diversa dalle altre, estroversa, ribelle, con la lingua lunga, che ha sempre voluto di più dalla vita che vivere in un piccolo paesino come Caprino. Ed è tutto l’opposto di come la vorrebbe sua madre, con cui ha un pessimo rapporto.
La sua vita però viene improvvisamente stavolta da un incidente, in cui ha perso la memoria. Chi è, chi sono le persone che ha accanto, cosa faceva nella vita sono alcune delle risposte che cerca di trovare per far luce sul suo passato.
Carol dovrà districarsi tra rapporti famigliari complicati, spasimanti indesiderati e tante bugie mentre farà di tutto per cercare di recuperare la memoria.

Recensione

[Carol guardò l’orologio sopra la porta del negozio, le lancette nere indicavano che mancava un minuto alla dieci. Emise un sospiro annoiato, simile ai tanti che si erano ripetuti negli ultimi giorni, un sospiro che racchiudeva uno strascico di nostalgia che la faceva sentire parte di niente. E parte di niente era l’esatta espressione che le veniva in mente quando pensava alla sua situazione. Si sentiva vuota, lontana dalla realtà in cui viveva e di cui non rammentava nulla, se non quello che le era stato detto. Aver perso la memoria a seguito di un incidente era una situazione davvero fastidiosa e aveva modo di appurarlo ogni giorno.]

Quanto valore diamo ai nostri ricordi? Sappiamo quantificare lo spessore di ogni singolo momento della nostra vita? Ecco la nostra protagonista Carol, purtroppo a causa di un indicente avvenuto cinque anni, prima ha perso completamente la memoria trovandosi così in un corpo che non conosce, in una vita che non sa come si sia costruita intorno a lei.

Carol vive giorno dopo giorno in un limbo fatto di gesti e parole già scritte dalla gente intorno a lei. Tutti sanno tutto senza renderla mai partecipe. Ricordiamoci che stiamo parlando della vita di Carol, una donna succube di un singolo episodio che ha, letteralmente e fisicamente, stravolto la sua vita. Non conoscere i propri passi, il perché di tanti veli che coprono la verità, saranno un cavillo importante e di forte discussione tra Carol e il suo “io”.

[Certe volte aveva la netta sensazione di essere imprigionata in un corpo sconosciuto, in un luogo sconosciuto, in un’altra vita, e quando provava a vagare tra i suoi ricordi alla ricerca di qualcosa che spiegasse o giustificasse in parte quelle sensazioni, la nube nera nella sua mente usciva allo scoperto ricoprendo ogni cosa e rigettandola nell’oscurità in cui versava da cinque anni, dal giorno dell’incidente. Ma alla fin fine, riflettè, lei era davvero imprigionata in un copro sconosciuto e in una vita che non riconosceva.]

Fabio in questo libro ha cercato di viscerare un intreccio di pensieri e situazioni che trasuda di verità e di sconforto, unito a sotto trame ben costruite e motivate. Troveremo indizi iniziali che lasceranno domande su domande, creando un piccolo cerchio di empatia intorno a Carol, donna forte e tenace ma insicura nelle sue finte sicurezze. Come nel caso della protagonista, avrete difficoltà a capire la realtà dalla finzione costruita a dovere. Avrete momenti destabilizzanti e forti.

Nel mio caso specifico, sono riuscita ad entrare subito nella testa di Carol perché la costruzione e la prosa pulita e ben equilibrata tra descrizioni e pensieri, hanno reso questa storia vera e travolgente. Devo ammettere che più volte ho pianto, riso, lottato e respirato insieme a Carol, analizzare le più grandi paure e superficie del nostro cuore è difficile.

Amare oltre i limiti del cuore non si tratta di un libro che va letto con gli occhi ma va vissuto con il cuore, l’introspezione che percepite sarà vincolo di tutta la narrazione svolta in poche pagine senza risultare mai esagerato ed invadente. Troverete diversi dettagli coerenti con la vita reale, purtroppo. Vi porterà all’estremo di voi stessi.

[È come se fossi intrappolata su un set e tutti recitassero un copione già scritto. Ma forse il mio giudizio è condizionato dal fatto che recentemente in televisione ho visto The Truman Show.]

Complimenti a Fabio Suraci per aver preso un incipit già visto e renderlo unico nel suo genere. Ho amato il modo di scrivere così viscerato. Super consigliato.

Un bacio dalla vostra CAPPELLAIA MATTA,
Palma.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...