Amministratrice @unteconlapalma · Collaborazione - Autori Emergenti · Distopico · Fantasy · Recensione

Recensione – Cavie – Liliana Marchesi

Scheda Tecnica

Trama

Cora si risveglia all’interno di una teca di cristallo. Non sa dove si trova, come sia finita lì dentro, e soprattutto non ne capisce il perché. Ma non è sola. Con lei ad affrontare lo stesso incubo c’è Kurtis, un ex soldato che sembra essersi risvegliato poco prima e che, come lei, sembra non ricordare nulla. Hanno tutti e due degli strani tatuaggi sul braccio e ben presto capiranno di essere finiti in un labirinto di prove al limite della sopravvivenza, e che avranno bisogno l’uno dell’altra per superarle.E mentre poco alla volta i ricordi iniziano a riaffiorare, e scomode verità a emergere, dovranno dare fondo a tutte le loro abilità e a ogni goccia del loro coraggio per poter sopravvivere al folle esperimento in cui sono stati catapultati. E scoprire quali segreti si celino dietro quello che viene chiamato “Progetto Pentagono”.

Biografia

LILIANA MARCHESI è nata nel 1983 e vive a Caravaggio in provincia di Bergamo con il marito e due figli.
Fondatrice di leggeredistopico.com, il primo sito italiano dedicato al genere, è anche curatrice di diverse rubriche dispotiche sul web.
Cavie è il suo primo romanzo con La Corte Editore.

Recensione

Ti svegli e ti ritrovi dentro a una bara di vetro.
Non sai come, né perché sei lì.
Devi solo sopravvivere.
L’esperimento è appena iniziato.

Buio…buio totale…mani e braccia indolenzite e un liquido non identificato che ti circonda…freddo…tanto freddo intorno a me…cosa succede? Dove mi trovo?

Ecco questo è l’incipit del libro di Liliana Marchesi che ringrazio calorosamente per la fiducia riposta in me e per avermi donato una copia della sua creazione. Devo essere sincera, le mie aspettative erano molto variegate ad inizio lettura e appena mi sono prestata al leggere questo romanzo…vi giuro…l’ho letteralmente e fisicamente divorato nel giro di 3 ore (veramente), un’eternità (nella mia testa). Non succedeva da tempo che una storia riuscisse a immergermi in uno spazio temporale così futuristico nel giro di una pagina. Non scherzo.

Liliana è riuscita in tempo zero, cioè dalla prima pagina, a dimostrarmi lo stato d’animo dell protagonista e lo spessore della situazione grave ed estrema.

La nostra protagonista è Cora, donna risvegliata dal suo stesso incubo per immergersi in uno…ovviamente,  reale e tangibile. Paura, frustrazione e panico albergano dentro di lei…cosa succede? Dove mi trovo? Chi sono?
Domande lecite che verranno accumulate a quelle di Kurtis, ex militare che si trova nella sua stessa circostanza senza il suo volere. Tra menti annebbiate e ansia del sapere, il ticchettio degli eventi è iniziato…l’esperimento è pronto ad iniziare.

ALT!!! VE STAVA PIACENDO EH?!?!?

Ovviamente non farò nessun tipo di spoiler perché non è nel mio stile ma, vi assicuro, ho serie difficoltà a tenere a freno la lingua. Liliana ha messo in serie difficoltà la vostra Cappellaia Matta perché ci troviamo di fronte ad una storia con tantissimi avvenimenti concatenati e, narrare anche solo un piccolo dettaglio vi toglie l’effetto sorpresa.

Quindi mi soffermo solo sulle mie sensazioni e pensieri generali. Sono letteralmente estasiata dalla scrittura di Liliana, una maestra del tenere l’attenzione sempre viva e continuamente mettere in dubbio tutto quello che lei stessa aveva costruito precedentemente, anche se la mia esperienza da veterana aveva azzeccato il perché,  sono piacevolmente colpita dal finale e dalle domande, strategicamente lasciate in sospeso, che alimentano la voglia di un seguito.

Ho trovato una prosa accattivante, pulita e ben equilibrata tra narrazione e descrizione. Una lieve storia d’amore intreccia i due componenti ma, sotto forma mentale che fisica. Instaurare un filo di fiducia con un compagno di viaggio forzato e non voluto, non è semplice. I personaggi hanno cognizione nella storia, non sembrano artefatti o finti e crescono nel susseguirsi di situazioni dando dimensione alla loro figura.

Bello, bello, bello.
Un libro con la L maiuscola.
Super consigliato.

Un bacio dalla vostra CAPPELLAIA MATTA,
Palma.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...