@dinaderasmo · contributors · Recensione · Thriller

Recensione – La ragazza francese – Lexie Elliott

Scheda Tecnica

Trama            

Erano in sei. Studenti di Oxford, amici da sempre. Doveva essere un indimenticabile vacanza in Provenza. Finché non incontrarono lei. E nulla fu più come prima.
“Kate, ti ricordi quell’estate?” È Tom, uno dei suoi vecchi amici di Oxford, a dare la notizia a Kate Channing. Kate se la ricorda bene, quell’estate di dieci anni prima, e quella vacanza con il gruppo di amici del collage. Erano in sei, studenti, amici, qualcuno più che un amico. La casa che avevano affittato, nell’idilliaca campagna francese, sembrava uscita da un romanzo :era semplicemente perfetta. Tranne che per un dettaglio. La ragazza della porta accanto, Severine. Kate ricorda bene che, da quando era comparsa lei, la loro enigmatica vicina di casa francese, con il suo foulard rosso e il suo bikini nero minuscolo e la pelle dorata dal sole, nulla era più stato come prima. Fino a quell’ultima notte. Il terribile litigio è tutto ciò che ne conseguì. Finita la vacanza, ognuno prese la sua strada e di Severine, scomparsa nel buio di quella notte, nessuno seppe più nulla. E adesso c’è Tom dall’altro lato della cornetta. “Kate, l’hanno trovata. Hanno trovato Severine. Morta.” E mentre la polizia cerca di fare luce su ciò che accadde così tanti anni fa, Kate lotta con i sospetti che inevitabilmente, si addensano su di lei, e con la propria incerta memoria, per salvare se stessa e il suo terribile segreto.Un thriller senza respiro, in cui il passato non perdona nessuno, da una delle più promettenti nuove autrici del genere.

Recensione 

La prima cosa che mi ha colpita di questo libro? Ovviamente la copertina!!!!

Anche se non sono solita farmi prendere dalle immagini, preferendo in realtà una trama intrigante ad una bella copertina, in questo caso, in libreria, questo libro mi è saltato subito all’occhio, quei colori, quelle sfumature così sfacciatamente francesi mi hanno colpita portandomi ad acquistare il libro.

Una vacanza tra giovani studenti universitari inglesi, trasformerà dopo ben dieci anni le loro vite, il ricordo di quella settimana segnato da relax e divertimento, è in realtà oscurato dalla scomparsa di una ragazza di cui non si è saputo più nulla, finché un giorno una telefonata irrompe nelle loro vite riportando a galla una vicenda che avevano accantonato nei meandri delle loro menti.

Il gruppo di amici ora è composto da cinque persone, uno di loro Theo prioritario della villa in Provenza è morto in guerra in Afghanistan, Kate, Lara, Tom, Seb e Caro invece hanno intrapreso le loro vite, rimanendo comunque in contatto tra di loro.

La voce narrante del racconto sarà Kate, le sue paure, le sue insicurezze e i suoi ricordi, da quella vacanza la sua vita è cambiata totalmente, non solo al suo ritorno ha perso il padre a cui era molto legata ma anche il ragazzo che amava, Seb, che ha deciso di lasciarla proprio al loro rientro in Inghilterra. Kate si ritroverà a condividere le sue preoccupazioni con la sua migliore amica Lara, e Tom amico di entrambe, tutti erano presenti a quella vacanza e tutti sono sospettati, il detective Modan con il suo inconfondibile savoir-faire tutto francese appare e scompare dalle loro vite con domande e insinuazioni tutt’altro che piacevoli.

Severine, la vittima, compare sotto forma di spettro nella quotidianità di Kate, non parla, ma la guarda e con il suo fascino adombra ogni possibile verità riguardo al suo omicidio. Ma se il colpevole è nascosto tra di loro chi può essere stato l’assassino?

E’ questa la domanda che si fa Kate, domanda alla quale lei sembra  non sappia rispondere, ma che invece trova risposta nelle indagini della polizia francese, e il cui nome porterebbe proprio a lei, l’unica secondo l’autorità ad avere un movente valido per arrivare a uccidere.

E’ per questo che il fantasma di Severine la perseguita? Perché è lei l’assassina?
Bugie, tradimenti e ricordi falsati, fanno da sfondo a questo thriller dall’ambientazione tipicamente british, in cui i personaggi mi sento di dire sono tutti un po’ protagonisti del romanzo, persino la vittima, mademoiselle Severine fascinosa e enigmatica ricopre un ruolo fondamentale, di primo piano,presentandosi al lettore come una presenza reale e presente.
Il libro è un po’ lento in  lettura, e questo credo sia dovuto all’estrema caratterizzazione che l’autrice fa di ogni personaggio, il romanzo infatti a mio avviso si è basato più su questo che sulla tensione narrativa tipica di un thriller, il risultato è un libro piacevole ma con nessun colpo di scena da far rimanere a bocca aperta.

La ragazza francese è l’esordio letterario di Lexi Elliott e come prima opera non mi sento di bocciarla, il libro è sicuramente scritto bene, manca un po’ originalità sì, ma le basi per diventare un ottima scrittrice ci sono, quindi sono curiosa di leggere il suo prossimo libro.
Quindi se siete amanti dei Thriller ma vi piacciono quelli con un linguaggio più soft e meno serrato questo può essere il libro che fa per voi!!!!

Un bacio dalla vostra Dina!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...