@jesslibri · Autori tra le righe · Collaborazione - Autori Emergenti · contributors

Autori tra le righe – @sissy_grey

Scheda Tecnica

  • Nome autore: Sissy Grizzaffi
  • Titolo opera: The Scar of My Heart
  • Genere: Contemporary Romance/Suspense
  • Data di pubblicazione: 9 novembre 2018

Trama

La prima volta che ho posato gli occhi su Scarlett Livingstone ho pensato a svariati modi per averla. Sarebbe stato sesso esplosivo. Solo quello, e sarebbe andato tutto liscio come l’olio. Ma poi i sentimenti hanno intralciato il nostro cammino, rischiando di farle fare scelte di cui avrebbe potuto pentirsi, e io non l’avrei mai permesso. Quindi le ho spezzato il cuore. Se ho mai immaginato un qualsiasi scenario su un nostro possibile incontro? Sì, spesso. Ma non avevo idea di come sarebbero davvero andate le cose.
La prima volta che ho incontrato Killian Anderson c’era solo un patto tra noi: lui mi avrebbe insegnato tutto quello che sapeva e io ne avrei fatto tesoro. Ma poi le cose si sono complicate e lui mi ha spezzato il cuore. Adesso io sono cresciuta, sono andata avanti con la mia vita, ma cosa succederebbe se lo rincontrassi? Ho sempre pensato che avrei saputo cosa dirgli se me lo fossi ritrovato davanti. Quanto mi sbagliavo…

  • Formati Ebook e cartaceo
  • Prezzo Cartaceo: €8,31
  • Prezzo Ebook: €1,99
  • Dove si trova il romanzo: Amazon
  • Kindle Unlimited?
  • Titoli altri libri pubblicati: Blackwood Duet: Non sapevo che ti stavo aspettando, Non sapevo quanto fosse vero

Social

Domande

  • Che cosa vuoi dirci di te come persona, oltre che come autore/autrice?

Sono una persona abbastanza solare, cerco sempre di vedere il lato positivo e non mi abbatto tanto facilmente. Potrei sembrare timida, e forse magari lo sono davvero, ma mi basta davvero poco per aprirmi. È relativamente facile guadagnarsi la mia fiducia e il mio affetto, la vita è troppo breve per non viverla al massimo! Sia come persona che come autrice sono una romanticona incurabile, credo nel lieto fine e spero di poter vivere un amore epico come quello dei miei libri preferiti!

  • Che cosa ti ha spinto a scrivere questa storia?

La prima volta che Killian è comparso nel libro Non sapevo che ti stavo aspettando ho pensato che fosse uno di quei personaggi che nascondono molto dietro l’immagine da sbruffone. È anche il personaggio che mi ha fatto più penare, la cui stesura ha richiesto più tempo rispetto Alexander e Logan, ma accidenti se non ne ho amato ogni parola!

  • Qual è il messaggio del tuo libro?

Penso che di base il messaggio sia che è importante seguire i propri sogni, che siano essi orientati verso la carriera o verso il coronamento di un amore romantico. È importante soprattutto non avere rimpianti, perché niente può fare più male di un rimpianto.

  • Che cosa vorresti trasmettere al lettore?

Vorrei che il mio lettore si divertisse e sognasse insieme a me e ai miei personaggi, il mio obiettivo principale è intrattenere, quindi spero di riuscire a farlo con ogni capitolo che riesco a scrivere.

  • Come mai hai scelto questo genere?

Come avrei potuto scegliere un altro genere? Sono una romanticona, lo sono da sempre e prima di essere una scrittrice di rosa sono una lettrice insaziabile e cerco di scrivere solo quello che mi piacerebbe leggere, ma soprattutto che piacerebbe leggere ai miei lettori.

  • Che cosa ritieni abbia di particolare il tuo romanzo?

Senza farmene un vanto, credo che Killian e Scarlett siano due personaggi molto belli, la loro storia ha subito un paio di scossoni, ma sono le difficoltà della vita a rendere una storia d’amore davvero solida.

  • Perché hai scelto di parlarmi di questa storia e non di altre che hai pubblicato?

Forse perché Killian è il personaggio più complicato tra quelli che ho creato (e ce ne sono alcuni non ancora pubblicati), è quello che mi è rimasto più a cuore per il suo spirito e per il suo essere sempre sé stesso. Questo non vuol dire che io non ami anche tutti gli altri, ma con lui c’è un rapporto particolare.

  • C’è un personaggio particolare in cui ti identifichi di più? Se sì, perché?

Credo di essere più simile a Michelle, la protagonista di Non sapevo quanto fosse vero. Lei è il mix perfetto di quello che sono e quello che vorrei essere e spero di raggiungere col tempo: una donna sicura di sé e cazzutissima!

  • Quando scrivi un romanzo sai già come andrà a finire la storia oppure parti da un’idea generale e poi ti lasci trasportare dal racconto stesso?

Assolutamente la seconda. Il finale non è mai ben chiaro nella mia mente. Di solito ho un incipit iniziale, così mi metto di fronte a Word e lascio che le mie mani scorrano sulla tastiera e scrivo e scrivo finché il finale si palesa quando sto scrivendo l’epilogo.

  • Cosa rappresenta per te la scrittura? E a che età hai iniziato a scrivere?

La scrittura è la mia passione, il mio hobby e va di pari passo con la lettura. Forse come tanti altri nel mondo del romance, ho iniziato a scrivere quando scoppiò il boom delle fan fiction su Twilight. La mia prima fan fiction uscì nel 2009, avevo 17 anni, ed era un fantasy. Solo nel 2016 mi sono convinta a rivedere e praticamente stravolgere una delle mie storie per adattarle alla pubblicazione.

  • Stai già lavorando ad un nuovo romanzo?

Veramente, ne ho quattro in stesura. Succede sempre che l’ispirazione per una nuova storia arrivi e devo per forza metterlo nero su bianco. Solo in seguito mi concentro su uno e lo finisco definendo le priorità di pubblicazione.

  • Devi consigliare il tuo libro a un nuovo lettore. Cosa gli diresti?

Direi che se sta cercando delle storie d’amore con sfumature di suspense e tanta ironia i miei romanzi potrebbero essere la risposta giusta.

Domanda Plus

  • Ti lascio libero/a di aggiungere tutto quello che vuoi sui tuoi romanzi e il lavoro che c’è stato dietro, o il tuo amore per la lettura e la scrittura.

La lettura è la mia vita, senza se e senza ma. La scrittura invece mi da la possibilità di spaziare con la mia fantasia, di spingermi sempre oltre i miei limiti (ultimamente sto accarezzando l’idea di cimentarmi un nuovo genere di romanzo anche se non so ancora se sarà un dark o un paranormal). Voglio che le mie lettrici mi conoscano, che conoscano i miei personaggi e possano dire a fine lettura “Accidenti, me lo sono davvero goduta questo libro”, penso sia il massimo dell’aspirazione per una scrittrice, qualsiasi sia il genere che si appresta a condividere col pubblico. I miei romanzi sono questo: una parte di me che condivido con chi come me ama l’amore e sognare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...