#LEFRASIPIU'BELLE · @greta.guerrieri · Collaborazione - Autori Emergenti · contributors

LUCE – La prima Stella a destra – #LEFRASIPIU’BELLE

La bellezza di un libro ti colpisce anche per merito delle sue frasi all’interno, dico bene?

Oggi sono qui per segnalarvi le mie preferite del seguente romanzo: “La prima Stella a destra” scritto da: Luce.

La dedica iniziale ti fa già partire con il piede giusto:

“A tutte le ragazze, che hanno dovuto affrontare qualcosa di più grande rispetto alla propria età e trovarsi poi ad accettarle quasi per “forza di cose”. A voi tutte, che avete pianto in gran segreto per nascondere i lividi lasciati sul cuore, chiedo una sola cosa. Non mollate mai, sorridete sempre per quanto sia difficile e puntate alle stelle, ovunque esse siano… perché anche voi avete diritto ad una vostra prima stella custode che rischiari il vostro destino.”

Poi proseguo con quelle del romanzo, cercando di evitare gli spoiler, ma utili per farvi capire i sentimenti incastrati dentro le righe.

“Cosa si fa quando si scoprono delle verità dolorose e impensabili, quelle verità che fanno cadere tutte le vostre certezze (era tutta una fandonia?), il vostro credo, il vostro tutto?!”

“Per qualche ora avevamo dimenticato la vita, quella vera, che ci aspettava comunque, la nostra. Lo meritavamo, meritavamo quegli attimi di felicità e spensieratezza, per tutto quello che avevamo già affrontato, e per tutto quello che ancora avremmo dovuto vivere. Ogni ragazzo di quattordici e sedici anni lo meritava. “Merita” si saltare la scuola perché non ha studiato per bene e a dovere, “merita” di andare a spasso con i propri amici, per non essere scoperto dalla mamma di aver marinato la scuola. Nessun ragazzo, a quell’età. Dovrebbe bighellonare la scuola per fuggire dalla propria realtà, troppo dolorosa e troppo difficile da comprendere e da accettare per quegli anni.”

“Mio fratello mi guardò attentamente ma non mi rispose, preferì rimanere in silenzio, nel suo solito silenzio che sapeva di tutto, di parole trattenute, di lacrime bloccate, di rammarichi inespressi, di vita mortificata e frantumata.”

“Avrei voluto dirti che un dono o un regalo che dir si voglia, non si restituisce perché donare significa proprio questa. …   Avrei voluto dirti che c’è gente senza un tetto, che dorme sotto i ponti e per le strade, gente che necessita e sogna di poter dormire in un letto comodo e soffice.”

“Perché l’aveva fatto? Perché l’hai fatto Titty? Mi ripetevo. … Perché, perché, perché? Me lo spieghi? Perché le persone a cui vuoi più bene ti feriscono sempre e ti pugnalano alle spalle così vigliaccamente?!”

“Eppure si dice “chi trova un amico, trova un tesoro… io0 non l’ho ancora trovato evidentemente…forse non è arrivato il mio momento, forse un giorno lo troverò quel tesoro e brillerà di amicizia vera e di famiglia unita, entrambe battezzate dalla lealtà.”

“Certe cose e certi eventi non possono essere nascosti a lungo, prima o poi tutto viene a galla.”

“Questo mondo non ha più colori, non esistono più le case né le persone. Siamo aridi nei sentimenti. Siamo tornati a vivere nella preistoria, siamo animali in una giungla. Se si pugnala, se si deruba, se si tradisce, perché di questo si tratta, non si è uomini, non si è amici, non si è degni di essere titolati “famiglia”, quest’ultima troppo sacra e inviolabile per racchiudere nozioni simili.”

“Purtroppo, ad ogni mio evento negativo, ad ogni dolore causato dalla mia famiglia sapevo fare solo una cosa: prendermela con la persona sbagliata, la stessa che ha cercato di proteggermi e rallegrarmi per quanto gli era concesso, Fabrizio.”

“Ho sempre cercato di combattere le emozioni e di non lasciarmi mai andare ad esse, in modo che non trasparisse mai nulla. Eppure, quando sono realmente arrabbiata, con il mondo interno, piango con la testa poggiata sul cuscino. Quando perso la pazienza, dopo aver sopportato tanto, dopo aver sopportato tutto e tutti, non riesco più a trattenermi e scoppio come una bomba ad orologeria, dicendo magari cose che non penso realmente, facendo del male a persone che non c’entrano nulla in quel momento.”

Allora che dite, vi ho convinti a dare una possibilità a questo libro?

Con affetto

Greta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...