@jesslibri · Autori tra le righe · Collaborazione - Autori Emergenti · contributors

Autori tra le righe – @giusy_cu

Scheda Tecnica

  • Nome autore: Giusy Cu
  • Titolo opera: Il sole esiste per tutti
  • Genere: Contemporary romance
  • Data di pubblicazione: 31 agosto 2019

Trama

Quando Natalia, amante dei libri e degli animali, si ritrova a lavorare alla fattoria dell’anziano signor Nicosia, un uomo apparentemente stravagante ma dal cuore grande, ancora non sa ciò che il destino ha in serbo per lei. Il giorno in cui incontra Andrea, un ragazzo bellissimo che sembra essere capace di far cadere ogni donna ai suoi piedi, Natalia si dice che lei non sarà mai bella abbastanza per una persona del genere. Lei è curvy e non ha mai avuto una vera relazione. Andrea, dal canto suo, cambia facilmente amante e, pur avendo un cuore capace d’amare, ha difficoltà a impegnarsi seriamente con una donna e, in realtà, non ha intenzione di farlo. O forse, deve solo incontrare la persona giusta… Andrea, infatti, capisce ben presto di essere attratto da Natalia, ma accade tutto troppo in fretta e allontanarsi da lei diventa quasi una sfida da vincere o da cui lasciarsi sedurre. Tra slanci di orgoglio e litigi, tra momenti di intimità e tenerezza da tenere a bada per non lasciarsi cadere, riuscirà Andrea ad aprire gli occhi e a scegliere finalmente la strada giusta, benché sia la più tortuosa? E Natalia riuscirà a superare le sue paure e a capire quanto sia degna di essere amata?

  • Formati: Ebook e cartaceo
  • Prezzo Cartaceo: €11,90 euro
  • Prezzo Ebook: €0,99 euro
  • Dove si trova il romanzo: Amazon
  • Kindle Unlimited?: Sì

Social

Domande

  • Che cosa vuoi dirci di te come persona, oltre che come autrice?

Ho lasciato per ultima questa domanda perché sapevo che avrei detto abbastanza di me in ogni domanda successiva… quindi, ho deciso di incollarvi un pezzo di post che ho scritto pochi giorni fa su Facebook, per farvi “capire” ancora di più, chi e come sono sia come persona che come autrice:

“Quando ho pensato di pubblicare il mio primo romanzo, praticamente mi sono sentita “male”. Penserete: “Ma perché? È una cosa bellissima!”. Già, è una cosa stratosferica che, però, ti fa cacare sotto appena ti rendi conto che stai per realizzarla. E vi spiego anche perché…
Avevo mille dubbi. Insicurezze infinite e paure assurde che la notte mi lasciavano sveglia, ansimante, sudata e incazzata come una scaricatrice di porto. I dubbi, le insicurezze e le mille paure erano dettati dal fatto che pensavo di non essere all’altezza di tutte le brave autrici italiane (e non) di cui ho sempre letto sin dall’età di sedici anni. Le insicurezze, che facevano parte di me sin dalla nascita, mettevano il loro subdolo zampino ogni qualvolta provavo a pensare positivo. Sono arrivata al punto di rimproverarmi davanti a uno specchio per il modo in cui continuavo a auto-infliggermi dolore, senza un motivo valido poi… Non contenta, ovviamente, dopo il rimprovero mi sentivo un po’ instabile mentalmente e mi preoccupavo pensando che forse alla fin fine, questo mondo non faceva per me. Stavo perdendo la ragione (!?) E così cercavo ogni possibile scusa per smettere. Finché, un giorno, dal nulla mi sono sfogata con un’amica. Sono esplosa, ho buttato tutto fuori e, senza lasciarla parlare più di tanto, alla fine del mio sproloquio bipolare, mi sono convinta da sola…. Sono scoppiata a ridere prendendomi per deficiente e ho accesso il pc, pronta a scrivere. Quattro mesi dopo, avevo finito il libro. Certo, devo ammettere che ogni tanto ricadevo nel “fosso dei pazzi”, ma riuscivo comunque ad alzarmi ogni volta con più agilità […]”.

  • Che cosa ti ha spinto a scrivere questa storia? E Qual è il messaggio del tuo libro?

Me stessa. Quello che ho subito da piccolina e dal fatto che ne sono sempre stata influenzata per buona parte della mia vita. Natalia, la protagonista, è una ragazza curvy proprio come me e, come tantissime ragazze che purtroppo nel mondo, spesso, vengono sottovalutate, giudicate, disprezzate, sminuite e influenzate negativamente per una ragione o per un’altra. La trama principalmente è nata da questa ragione. Voglio mandare un messaggio, ma non a chi giudica una ragazza in carne, voglio proprio arrivare alle ragazze in questione per fare capire che:“prima di essere carne noi siamo anime capaci di amare ed essere amate così come siamo. Forse anche di più delle altre che hanno meno spazio dentro per contenere un cuore più grande”. Successivamente, nella trama sono presenti una serie di argomenti sociali, familiari e interpersonali di cui ho sempre voluto dire la mia e l’ho fatto anche mettendomi nei panni di un ragazzo che nel mio romanzo si chiama Andrea.“È un tipo molto bello con gli addominali nella pancia e principalmente nel cervello. Si, ho detto addominali nel cervello. Mi piacciono i ragazzi che allenano la mente e si sporgono su tanti orizzonti senza farsi soggiogare dai gusti della società”.

  • Che cosa vorresti trasmettere al lettore?

Ne Il sole esiste per tutti, “l’amore verso se stessi”. Penso che questa frase racchiuda dentro un mondo che troppo spesso diamo per scontato. Bisogna darle più peso. In generale e in futuro, spero dei bei messaggi e tante emozioni. Per il resto, si vedrà…

  • Come mai hai scelto questo genere?

Penso sia il genere giusto per i messaggi che voglio trasmettere. È anche il mio preferito e quello che leggo sopra ogni cosa.

  • Che cosa ritieni abbia di particolare il tuo romanzo?

Bella domanda! Mmm… d’istinto mi verrebbe da risponde: “Non lo so, chiedilo a chi l’ha letto, anche a me piacerebbe saperlo!”XD Se invece, uso la testa, mi dice che il cuore sta urlando il nome di Natalia. Contraddittoria, eh? Oserei dire, meravigliosamente disagiata come Natalia ed è per questo che penso sia proprio lei la particolarità del mio romanzo.

  • C’è un personaggio particolare in cui ti identifichi di più? Se sì, perché?

Natalia. Lei è me, io sono lei. Lei, è l’altra faccia della mia medaglia. È la parte debole e la parte forte. Scriverla, mi ha dato forza, gioia e dolore. Penso di poterla definire una specie di personaggio autobiografico a volte… abbiamo tantissime cose in comune a parte Andrea…

  • Quando scrivi un romanzo sai già come andrà a finire la storia oppure parti da un’idea generale e poi ti lasci trasportare dal racconto stesso?

Sono una tipa che rimugina tantissimo. Quindi, sì, so già come andrà a finire ma in corso d’opera mi piace anche farmi trasportare.

  • Cosa rappresenta per te la scrittura?E a che età hai iniziato a scrivere?

La scrittura per me rappresenta il mio sogno più grande, il mio futuro e un traguardo che non smetterò mai di inseguire. La passione per la scrittura è nata    in prima media. Non ero molto brava a scuola perché in realtà ero in Italia da poco più di due anni dopo aver vissuto per sei anni in Lussemburgo. Da piccolina ho viaggiato molto tra Londra e Francia e parlavo l’italiano solo in casa con i miei genitori. Quando sono ritornata in Sicilia, avevo undici anni e ho fatto alcuni mesi della quinta elementare. Alle medie mi sono trovata malissimo, sia a livello scolastico sia a livello sociale. Sono stata anche vittima di bullismo. Fortunatamente, nel mio percorso scolastico ho avuto l’onore di avere al mio fianco una professoressa di lettere che con la sua severità e con la sua incessante perseveranza, mi ha inculcato un bel po’ di “scuola buona”. Mi ha aiutato tantissimo, obbligandomi anche a partecipare a un corso di scrittura nel pomeridiano dopo la scuola. Non volevo andarci, perché non mi piaceva la scuola e quasi tutti i miei compagni ma la professoressa in questione, grazie anche alla complicità di mia madre, ha ottenuto ciò che voleva. Così, ho scritto la mia prima poesia: “Il sasso innamorato”, (è ancora ben conservata dentro il mio armadio). Da quel giorno, i mesi e gli anni sono passati, continuando a scrivere. Successivamente, ho scoperto il piacere della lettura che mi ha portato a fantasticare nella mente delle storie tutte mie già all’età di sedici anni. Ho scritto, ho sempre scritto ma non ho mai pubblicato per tante ragioni. Oggi, a ventiquattro anni è arrivato il momento di far uscire una di quelle storie dal mio pc anche se, Il sole esiste per tutti, non fa parte delle storie che ho scritto in adolescenza. Questo romanzo l’ho scritto in soli quattro mesi.

  • Stai già lavorando ad un nuovo romanzo?

Ho dei progetti futuri, sì. Altre due storie in particolare da scrivere subito dopo questo mio primo romanzo. La prima, la sto già scrivendo…vi faccio un piccolo spoiler: è collegata ad un personaggio all’interno de Il sole esiste per tutti. Questo personaggio mi è piaciuto sin da subito perché è completamente diverso da me e da tutto ciò che direi o farei nella realtà… eppure, è uscito dalla mia testa. Non posso non dargli una storia tutta sua, sono troppo curiosa anch’io di conoscerlo. L’altra storia, è diversa. Ho bisogno di un po’ più tempo per metabolizzarla perché è un altro genere di romance che amo leggere e che sta sbocciando dentro la mia pancia pian pianino. Insomma, ho tanti progetti nella testa che certe volte mi meraviglio di me stessa. Ma come ho già detto: “noi siamo di più. La luce è ovunque, basta guardare da una prospettiva diversa e quando meno ce lo aspettiamo, il sole esiste per tutti”.

  • Devi consigliare il tuo libro a un nuovo lettore. Cosa gli diresti?

Nulla. Da lettrice, personalmente, mi piace scegliere da sola le mie letture. Non mi sentirei a mio agio a consigliare il mio libro. Io, ho scritto questo romanzo, l’ho regalato al mondo e chi vorrà lo sceglierà da sé. Sarà questa la mia soddisfazione. L’unica cosa che mi sento di dire alle lettrici è: GRAZIE. Ringraziare chi lo ha scelto e chi lo sceglierà, mi rende felice perché significa che mi hanno donato fiducia pur essendo una sconosciuta e, questa, è una cosa meravigliosa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...