Amministratrice @unteconlapalma · Recensione

Recensione – La ragazza del faro – Dario Giardi

Buongiorno fancilli, oggi vi racconto una bella storia.

Il mio primo cortoromanzo, come da definizione, un piccolo libro che racchiunde un romanzo a tutti gli effetti.

Scheda Tecnica

  • Titolo: La ragazza del faro
  • Autore: Dario Giardi
  • Collana:  Sàtura
  • Dimensione: 10,5×17,5
  • Pagine: 112, Brossura
  • Anno di pubblicazione: 2014
  • PREZZO: 6,00€

Sinossi

Julien è un trentacinquenne fuggito dall’angosciante monotonia borghese della vita parigina. Trova rifugio in un paesino sperduto della costa bretone, fra le cui brezze crede di poter ritrovare se stesso e l’essenza della vita. L’incontro con la bellissima Adèle, di cui si innamorerà perdutamente, e la quotidianità condivisa con il gruppetto di giovani che ancora vive in paese gli riserverà gioie, dolori, e anche una terribile lezione.

Biografia

Dario Giardi, è scrittore, fotografo e musicista. Laureato con lode presso l’Università Luiss di Roma, è autore di guide turistiche ed esperto di arte e cultura celtica, etrusca e romana, temi su cui sta attualmente preparando il suo primo film. Con Leone Editore ha pubblicato La ragazza del faro (2014) e DNA (2015).


Recensione

La storia narra di un ragazzo, Julien che lascia Parigi, con la sua frenesia, per raggiungere una meta sulla costa bretone, in un paesino piccolissimo di poche persone, dove tutti si conoscono e che i segreti hanno vita breve, come i pregiudizi (mi ricorda qualcosa).

La particolarità, di questo luogo, è un faro, tenuto sotto controllo da una ragazza, Adéle, una donna pensierosa, sempre dedita ad osservare l’orizzonte. Appena conosce Julien nasce un colpo di fulmine, due persone che avranno modo di conoscersi e studiarsi, raggiungendo un grado di unione tale da potersi definire una coppia e, come tale, avranno diversi momenti di difficoltà causati da incomprensioni, paure, gelosie e persone che non capirete bene fino alla fine della storia stessa.

Devo dire che come primo approccio di cortoromanzo sono rimasta piacevolte colpita perché Dario Giardi è riuscito a racchiudere una storia fatta da cliché con aggiunta di misteri, rivelazioi, amori, tradimenti, evoluzioni e colpi di scena finali inaspettati.

La sua timidezza non era solo una patina di mistero. Era il suo essere, una capacità innata di miscelare purezza e sensualità, due caratteristiche che credevo introvabili nella stessa persona.

Dei personaggi secondari abbiamo uno sviluppo concreto solo della migliore amica di Adéle , Cécile, che verrà analizzata nelle sue paure e insicurezze, vi troverete ad amarla e odiarla allo stesso tempo. Difficile dire tante cose perché, essendo un piccolo libro, non voglio togliere la bellezza di questo racconto quindi vi consiglio di acquistarlo, anche per il suo piccolo prezzo, e darli una possibilità, un piccolo pensiero che allieta alcune ore della vostra vita.

Il messaggio di questo libro e molto forte perché dimostra quanto il vero amore è così fragile e mutabile, gli eventi possono amplificarlo oppure farlo morire. Il colpo di scena finale ha reso il tutto una storia originale e concreta, vera fino alla fine. 
Questo modo di scrivere veloce e concentrato è stato molto apprezzato tanto che voglio leggere altro di questo genere. Molo molto contenta.
La scrittura fluida senza troppi fronzoli, lo rendono una lettura piacevole e accattivamene.
Consigliato per chi vuole approcciarsi alla lettura per la prima volta. A tutte le carte in regola.
Un bacio dalla vostra Palma

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...