Amministratrice @unteconlapalma · Collaborazione - Autori Emergenti · Recensione

Collaborazione – Diario di Dora Pini – Eleonora Marianna Selle

Buongiorno fanciulli, oggi parliamo di due libri scritti da Eleonora Marianna Selle, edito Abra Books Narrativa, molto particolari che, nel corso della lettura, hanno veramente dato filo da torcere . 

Ringrazio ancora la scrittrice per aver inviato entrambi i manoscritti e che ha capito\concesso del tempo per comprendere a meglio, da parte mia, questi racconti. Veniamo per gradi:


Scheda Tecnica – Why & Obblighi di svolta

  • Titolo: Why & Obblighi di svolta
  • Autore: Eleonora Marianna Selle
  • Editore: Abra Books
  • Collana: Abra Books Narrativa
  • Cartaceo: 12,00 euro
  • Ebook: 3,50 euro

Link per acquistare il libro

Sinossi

La tragedia più grande per una madre è indubbiamente la morte dei propri figli.
Al secondo posto di questa immaginaria graduatoria di disgrazie, c’è l’eventualità di perderli, nel senso di non poterli più vedere, né sapere di loro.
Questo capita alla protagonista della nostra storia. Una successione di disfatte, profonde depressioni, senso di impotenza di fronte ad una legge spesso insensibile, inumana, inesorabile.
Ma in questa voragine, qua e là, si intravede uno spirito indomito, la determinazione di lottare, di non rinunciare alle speranze.


Scheda Tecnica – Why & Circuiti Rotatori

  • Titolo: Why & Circuiti Rotatori
  • Autore: Eleonora Marianna Selle
  • Editore: Abra Books
  • Collana: Abra Books Narrativa
  • Cartaceo: 11,00 euro
  • Ebook: 2,50 euro

Link per acquistare il libro

Sinossi

La seconda parte della tragedia d’una madre costretta a perdere i contatti con i propri figli non poterli più vedere, né sapere di loro. Questo accade alla protagonista della nostra storia, Dora Pini. Una successione di disfatte, profonde depressioni, senso di impotenza di fronte ad una legge talvolta insensibile e inesorabile. Ma in questa voragine, qua e là, si intravede uno spirito indomito, la determinazione di poter comunque, malgrado tutto, continuare a vivere la propria vita.

L’Autrice

Eleonora Marianna Selle vive a Guanzate, nel Comasco, ed è alla sua prima fatica editoriale.
Particolarmente sensibile ai problemi sociali ed alle tematiche delle relazioni fra coniugi, ha studiato le implicazioni delle separazioni e le loro ricadute sui figli.
Il personaggio di Dora Pini, protagonista di questo romanzo, vive in prima persona una vicenda complessa e tormentata.

Recensione

Inizio questa recensione specificando che questi due libri, dal numero di pagine esimie, sono stati letti per ben due volte con un lasso di tempo di un mese, in modo da racchiudere al meglio questa recensione.

Ho sempre cercato di essere sincera e rispettosa in merito alle colaborazioni e non, perche dietro ogni libro c’è una storia e un percorso fatto di alti e bassi, sminuire questo lavoro non é concepibile. Ma alcune volte il messaggio intrinseco nella storia, può non essere compreso al meglio per diversi fattori. Esperienze, eventi della propria vita e carattere. Ho sempre cercato di essere piu neutrale possibile e imparziale, ma in questo caso ho dovuto rileggere i due racconti per alcune aspetti che confondevano il mio giudizio.

Di cosa parlano questi due libri???

Partiamo dal presupposto che Why & obblighi di svolta e Why & circuiti rotatori trattano la stessa storia, dove la nostra protagonista viene descritta in diversi momenti della sua vita. Iniziamo con Why & obblighi di svolta in modo da collegarci a Why e circuiti rotatori. Il primo volume narra la crescita della nostra protagonista, fatta di persone e luoghi ben distinti. Questo primo capitolo viene narrato sotto forma di racconto, in questa fase della lettura, ho notato difficoltà da parte mia nel rimanere attenta e concentrata perché ci sono troppi riferimenti e soprattutto non ho trovato un filo conduttore. Ho deciso di non lasciarmi abbattere da questo inizio e, da questo momento, le cose sono cambiate. Dal primo capitolo, realizzato sotto forma di racconto, abbiamo uno stravolgimento e iniziamo a notare dei capitoli (sia graficamente che concettualmente) in versi, nel mio immaginario, tratti dal diario della nostra protagonista. Perché questo pensiero preciso???? Perché cominciamo ad intravedere dei sbalzi temporali (specificati anche da date ben precise e distintive) che, seguono il percorso della nostra protagonista . Veri e propri stralci di pensieri di una protagonista che racconta le sue avventure e relative disavventure sul proprio diario.
Precisazione: questi racconti sono frutto di fantasia, ogni riferimento a persone e luoghi sono di pura ispirazione. 
In alcuni momenti, durante il racconto, sono rimasta confusa e quasi disorientata, causa racconti frastagliati. Verrà trattato l’argomento della divisione da parte di una mamma dai propri figli e le sensazioni vissute dalla nostra protagonista che vivrà attimi di vero smarrimento e difficoltà di ogni entità. Il libro trasmette un messaggio molto crudo, diretto e senza mezzi termini, dettagli che personalmente apprezzo. 

Credo che di base troviamo una storia vera, in una società che combatte continuamente con questi problemi e diritti. 
Nel suo secondo volume troviamo il seguito della storia che racchiude lo stesso schema di lettura, un diario dove una donna disperata racconta le sue disavventure. In cuor mio speravo di intravedere diversi messaggi di positività per incoraggiare le donne a lottare per i propri figli, ma, ad oggi, ancora non ho trovato risposta.

Specifico che non sono mamma e soprattutto non ho vissuto esperienze del genere quindi posso comprendere le mie domande e insicurezze. Penso sia normale. 
Sono libri che vanno letti passo passo, una lettura frettolosa (come nel mio caso, la prima volta) rende imcomprensibile il testo, già molto difficile di base. Le tematiche trattate sono molto forti quindi vanno comprese con i giusti tempi.

Consiglio questo libro????
No, se non hai mai vissuto determinati episodi perché potresti non comprendere a pieno il tutto e valutare negativamente questo libro.

Sì, se desideri confrontarti con una donna che ha vissuto attimi di sconforto e negatività.

Io non so esprimere al meglio il mio pensiero, me ne rendo conto. Ancora oggi ho difficoltà a collocare questa lettura. Credo che proprio in questo caso, più che mai, per qualsiasi domanda o confronto sia opportuno parlare con la scrittrice perché saprà rispondere e argomentare sicuramente in maniera più esaustiva della sotto scritta.
Spero di aver espresso a pieno i miei pensieri.

Un bacio dalla vostra Palma

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...