Amministratrice @unteconlapalma · Recensione

Recensione – Le sette morti di Evelyn Hardcastle – Stuart Turton

Buongiorno fanciulli, oggi parliamo di un libro che ha alimentato le mie notti e le nostre discussioni in merito. Un libro dalle opinioni contrastanti e distinte. Ora veniamo a noi…

Nulla di meglio di una maschera per rivelare la vera natura di chi la porta.

Book Trailer ufficiale realizzato da Neri Pozza.

Scheda Tecnica

  • Titolo libro: Le sette morti di Evelyn Hardcastle
  • Autore: Stuart Turton
  • Genere: Gialli, Noir, Thriller
  • Categoria: Narrativa Straniera
  • Casa editrice: Neri Pozza
  • Anno di pubblicazione: 2019
  • Copertina flessibile: 15,30 euro link
  • Ebook: 9,99 euro link

Trama

Blackheath House è una maestosa residenza di campagna cinta da migliaia di acri di foresta, una tenuta enorme che, nelle sue sale dagli stucchi sbrecciati dal tempo, è pronta ad accogliere gli invitati al ballo in maschera indetto da Lord Peter e Lady Helena Hardcastle. Gli ospiti sono membri dell’alta società, ufficiali, banchieri, medici ai quali è ben nota la tenuta degli Hardcastle. Diciannove anni prima erano tutti presenti al ricevimento in cui un tragico evento – la morte del giovane Thomas Hardcastle – ha segnato la storia della famiglia e della loro residenza, condannando entrambe a un inesorabile declino. Ora sono accorsi attratti dalla singolare circostanza di ritrovarsi di nuovo insieme, dalle sorprese promesse da Lord Peter per la serata, dai costumi bizzarri da indossare, dai fuochi d’artificio.
Alle undici della sera, tuttavia, la morte torna a gettare i suoi dadi a Blackheath House. Nell’attimo in cui esplodono nell’aria i preannunciati fuochi d’artificio, Evelyn, la giovane e bella figlia di Lord Peter e Lady Helena, scivola lentamente nell’acqua del laghetto che orna il giardino antistante la casa. Morta, per un colpo di pistola al ventre.
Un tragico decesso che non pone fine alle crudeli sorprese della festa. 

Un ballo in maschera presso un’antica e fatiscente villa nella campagna inglese, circondata da una foresta impenetrabile, Blackhearth House; un invito che non lascia spazio all’immaginazione, un elenco di personaggi illustri che ben 19 anni prima avevano assistito alla morte di un componente dei Hardcastle, figlio dei proprietari della tenuta, di nuovo riuniti a festeggiare. Ma cosa??? Una nuova morte, un suicidio da parte di Evelyn Hardcastle. Mi correggo. Non una, non due ma bensì sette morti della fanciulli riprodotti sempre lo stesso giorno. Perché? Cosa nasconde questa casa? Cosa si cela tra i volti delle persone presenti a questo ballo. Tranquilli, il nostro protagonista Aiden Bishop verrà ad illustrarci in maniera esaustiva la sua teoria. Come? Rivivendo la morte di Evelyn con sette incarnazioni diversi.

Lo so, lo so, non ci state capendo niente, in verità neanche io sono riuscita all’inizio, sono dovuta resistere per molto tempo prima di capire bene il meccanismo e non per colpa della mia scarsa attenzione ma per la scrittura proposta dallo scrittore Stuart Turton.

Puntualizziamo alcuni punti molto importanti. Per prima cosa Le sette morti di Evelyn Hardcastle sono la prima opera pubblicata da parte dello scrittore. Di base notiamo uno studio e alcuni similitudini alla scrittura della signora del giallo per eccellenza Agata Christie, ma la personalità prorompente di Turton ha cambiato le carte in tavola. Trovo che la scrittura utilizzata risulta estremamente pesante e difficile da assimilare durante la lettura, rendendo così difficile la comprensione. Sono consapevole del genere trattato e dell’uso costante di interrogativi posti per aumentare l’interesse del lettore, ma, nel mio caso, questo linguaggio è risultato troppo articolato, quasi, e ripeto QUASI, in alcuni punti, fuori controllo. Mancano alcune risposte importanti. I tempi. Dettagli inseriti per giustificare determinate azioni ma incoerenti e il ritmo snervante della lettura. Soprattutto il nome di chi ha creato tutto questo gioco perverso, una prigione senza uscita

Cerco di essere più diretta possibile in modo da farmi comprendere al meglio. Sono convinta che di 500 pagine, presenti nel libro, la metà è inutile. Sono consapevole che all’interno di questo libro abbiamo la necessità di snocciolare tutte le giornate delle incarnazioni ma, tra intrecci e dialoghi che allungano la storia, ho trovato alcune volte difficile da gestire la lettura di questo libro.

Di base, sono rimasta colpita dal concetto primario, quello di incarnarsi in sette vite e di lottare con la propria e la loro identità/carattere/azione. La metamorfosi interiore di Aiden con ogni singola incarnazione. La continua ricerca di se stessi senza soffermarsi sul vero motivo dell’incarnazione stessa e accorgersi, solo alla fine, che quella persona veramente da salvare non è Evelyn, ne Aiden ma bensì una terza persona, pilastro della storia.

Vorrei credere di essere un brav’uomo venuto ad aiutare, ma se è così, sto combinando un dannato pasticcio. Stanotte, come ogni notte, Evelyn si toglierà la vita, e se gli avvenimenti della mattina mi possono dare qualche indicazione, i miei tentativi di scongiurare il disagio non faranno che precipitare le cose. Per quanto ne so, le maldestre iniziative che prenderò per salvare Evelyn si riveleranno di fatto le ragioni che la condurranno sulla sponda di quello specchio d’acqua con una pistola d’argento in pugno.

Sono consapevole delle mie parole crude e senza mezzi termini ma ritengo che questo “caso/libro” sia elogiato senza giustificazioni.

Consiglio questo libro??? No, sotto tanti punti di vista diversi. Mi sono annoiata, demoralizzata e quasi pentita di aver speso 18, 00 euro e il mio tempo. Mi dispiace ma non ha scaturito interesse .

Ovviamente questo è un parere puramente personale.

Il mondo è bello perché vario.

Un bacio dalla vostra Palma

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...