@jesslibri · Amministratrice @unteconlapalma · Recensione

Recensione – Il giorno giusto per incontrarti – Arianna Di Luna

Buongiorno splendori, oggi sono qui a parlarvi di un libro uscito il 20 giugno grazie alla casa editrice Cigno Nero Edizioni. Di che libro sto parlando? Dell’ultimo di Arianna Di Luna, ovvero Il giorno giusto per incontrarti. Dovete sapere che ho letto un suo libro a gennaio e che l’ho amato, letteralmente, quindi appena ho saputo di questa uscita, mi sono proprio buttata, non potevo farmela scappare. Il fatto che si trovi anche nel catalogo Kindle Unlimited, è stato solo un optional in più.

Prima di lasciarvi alla scheda tecnica e alla recensione, vorrei solo dirvi che mi sono gustata con molta calma tutto il romanzo. Non sono voluta andare di fretta, anche se l’ho iniziato la notte stessa che è uscito, mi sono proprio voluta gustare pagina dopo pagina, e ho fatto solo bene…

Scheda tecnica

Trama

E se il misterioso ragazzo di cui ti stai innamorando, fosse in realtà l’uomo che detesti con tutta te stessa?

Non è facile essere perfetti. 

Ci vuole costanza, sacrificio e una buona dose di sangue freddo per sopportare il fatto di essere sempre al centro dell’attenzione, nel bene e nel male. Ne sa qualcosa Evan McAllister, detto Mac, Capitano della squadra di football e star indiscussa del Jensen Johnson, il college più esclusivo della Ivy League. 

Ne sa qualcosa anche Rachel Sheridan, studentessa modello che pensa solo ai libri e rifugge come la peste tutte le occasioni di vita sociale nel campus.

Mac e Rachel sono diversi come il giorno e la notte, e si odiano profondamente: concorrono entrambi per vincere il premio come miglior studente dell’anno, e sono pronti a farsi una guerra spietata, senza esclusione di colpi bassi.

Ma la perfezione non esiste, e nessuno è immune dai segreti.

Nessuno sa che Rachel, dietro l’apparenza gelida e distaccata, darebbe qualunque cosa per avere qualcuno che la capisca, e tiene un diario in cui confida tutta la sua solitudine. Un diario da cui un giorno una pagina si stacca, finendo nelle mani sbagliate, le mani di Mac.

Mac non sa chi sia l’autrice di quel biglietto, ma da ciò che scrive gli sembra sperduta e dannatamente fragile. E, proprio come lui, piena di segreti ombrosi da non poter rivelare a nessuno. Mac ha la sensazione che quella misteriosa sconosciuta abbia molte cose in comune con lui. E pensa che, in fondo, rispondere alla sua lettera non porterà nulla di male… 

Recensione

Dalla trama potete capire che si tratta di una storia di odio/amore, in pratica un argomento che adoro, in mezzo c’è anche un po’ di sport… e io amo gli sport romance, ma in questo caso è un contorno il fatto che lui sia il capitano della squadra di football e lei la capo cheerleader.

Sono dei protagonisti eclettici, pieni di segreti e maschere. Rachel si mostra perennemente forte, sempre seria, ligia allo studio, che odia tutti… la realtà è un’altra: sono gli altri che la odiano. Nessuno la conosce e non vogliono conoscerla, ma d’altronde si sa, è più facile parlare di qualcuno/qualcosa che non si conosce e seguire la massa, lasciandosi portare dalla corrente. Mac non è differente dagli altri, lui dice di odiarla, di non sopportarla, tanto che la tratta malissimo (più volte mi sono ritrovata io con gli occhi lucidi e la protagonista no, ma dettagli) la differenza è che in realtà è sempre nella sua visuale ma ammetterlo e capirlo è difficile.

Come dicevo poco fa, Rachel in realtà per quanto abbia un carattere forte, è anche molto fragile (non è facile sopportare a testa alta tutte le incurie che le vengono sputate addosso facendo finta di niente, ma lei ci riesce) e si sfoga in un quadernino, lasciando i pensieri a briglia sciolta. È proprio a causa di uno di quei fogli che stacca dal quaderno, che inizia il “gioco” con uno sconosciuto. Una dimenticanza, una dimenticanza che non poteva cascare più a fagiolo di così. Questo foglio lo trova proprio Mac, e da lì, i due (senza sapere chi sia l’altro) imparano a conoscersi, a mostrarsi per come sono veramente. Confidandosi e fidandosi.

L’ho trovata una genialata, sappiatelo. Certo, magari questa non è stata la cosa più originale del mondo, ma vi assicuro che per com’è stata gestita la situazione, ha reso tutto perfetto. La maggior parte della storia gira attorno al non voler deludere la famiglia, di sentirsi sbagliati, un peso, non capiti. Ecco, loro, grazie a queste lettere che si lasciano sotto il ciliegio del campus, creano una nuova dimensione, dove riescono a mostrarsi senza maschere. Non sanno chi ci sia dall’altra parte, ma questo rende il tutto solo più vero e senza fronzoli.

Vorrei specificare che entrambi hanno delle storie non leggerissime alle spalle, questo aiuta noi lettori a interpretarli, a vederli veramente… in seguito aiuterà anche loro a vedersi sul serio. La cosa più complicata da gestire, secondo me, è stato lo svolgimento dell’assegnare il premio su cui verte il loro odio, sappiate che l’autrice è riuscita a gestire tutto in una maniera sublime. Da lettrice non immaginavo tanto, come quasi non speravo più in un epilogo così perfetto. Davvero, tanto di cappello all’autrice, ha scritto l’ennesima storia fantastica che porterò nel cuore.

E voi che ci fate ancora lì? Tutti a leggere Il giorno giusto per incontrarti!

Grazie dell’attenzione, un abbraccio a tutti…

Jess.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...