Amministratrice @unteconlapalma · Collaborazione - Autori Emergenti · Recensione

Recensione – La terra, un padre severo e un sogno – Gian Paolo De Pasquale

Buongiorno fanciulli, oggi parliamo di un libro con tematiche molto particolari e non molto lontani da noi. Ringrazio Gian Paolo per questa collaborazione, anche se il nostro progetto comune non e andato in porto, sono felicissima di recensire il tuo libro perché da buona pugliese e un tematica molto affine a me.

Scheda Tecnica

  • Titolo: La terra, un padre severo e un sogno
  • Autore: Gian Paolo De Pasquale
  • Copertina flessibile: 74 pagine
  • Editore: Independently published
  • Data pubblicazione: 23 aprile 2019
  • Lingua: Italiano
  • Copertina flessibile: 7,00 euro
  • Ebook: 3,99 euro

Sinossi

Thomas è stanco. Lo è perché sente di condurre una vita fatta di scelte non sue. Ha sempre subìto le scelte del padre Vincenzo senza ribellarsi. Lui desidera poter lasciare l’azienda agricola di famiglia al figlio come da tradizione. Ma Thomas non riesce proprio ad amare quel lavoro. E’ solo a fine giornata, quando si immerge nei libri, che trova un po’ di serenità.Cosa fare quando non si è scelto un bel niente nella propria vita e il confronto col padre lo si teme? E quando si sente che non si desiderano le stesse cose di chi ha sempre scelto per noi?Thomas non vuole deludere il padre ma nemmeno sè stesso. Ha voglia di riscatto ed è pronto a prendere una posizione ma non sa riconoscere ancora cosa realmente ama fare. E’ in cerca di una luce, un piglio, un segno…Troverà la sua Strada?La terra, un padre severo e un sogno è un invito a non scoraggiarsi, una spinta per la fuoriuscita dall’oblio. La vita ci mette a dura prova continuamente, ostacoli su ostacoli di diverse entità, ma l’amore per la vita, l’amor proprio e l’amore per una donna sanno vincere il più arduo ostacolo.

Recensione

La storia inizia con un giovane Thomas che, per volere del padre, ha deciso di seguire le sue orme lavorando per la ditta della famiglia e lavorare la terra. Una vita fatta di sacrifici con un susseguirsi di generazioni, una eredita fatta di terra e amore. Il sogno di un padre che spera nella passione del figlio, obbligandolo a seguire la sua strada.

Thomas cercherà sempre di apprendere gli insegnamenti del padre e cercherà di capire perché lui ami cosi tanto la terra e i suoi frutti, invece lui si sente solo costretto ma non vuole fare nella vita.

-Thomas, vedi… l’importante non è fare ciò che gli altri si aspettano da te. Ma il contrario. Se senti fortemente che sei tagliato per fare altro devi lottare ogni giorno per raggiungere ciò che ti prefiggi. –

– Perché papà non ragiona come te? –         

– No, Thomas. Il suo problema è che non dà a vedere ciò che realmente pensa. È abituato a tenersi tutto dentro. E credo che inconsciamente abbia sempre sperato che tu saresti cresciuto e diventato come lui. E sbaglia. Ma lo deve ancora capire. –

Una breve storia per comprendere che nella vita i sogni sono la fonte della nostra vita, alimentano e rendono piacevole qualsiasi cosa che facciamo. Per raggiungere quel grado di consapevolezza bisogna lavorare molto su se stessi e comprendere che la famiglia, qualsiasi scelta farai, si troverà sempre al tuo fianco quando cadrai e ti rialzerai.
Ci sarà un episodio molto forte nella vita di Thomas che porterà il nostro protagonista a scegliere se continuare il suo sogno o quello degli altri.

Una scrittura genuina, sono sicura che Gian Paolo potrà migliorare e renderla ancora più matura. Un racconto breve che sfiora un bel argomento, l’unico consiglio che posso dare e rendere il tutto ancora più sostanzioso con una storia più lunga che argomenta il messaggio intrinseco nella storia. Mi sarebbe piaciuto sapere del perché un carattere così forte padroneggia la mamma, come procede il sogno di Thomas e tanti altri dettagli che vengono scalfiti ma non molto approfonditi. Credo che Gian Paolo potrà stupirci nei suoi prossimi racconti.

Consiglio questo libro? Sì, se desiderate una storia breve e ben scritta.

No, se non volete una storia frettolosa. Nel complesso un libro piacevole e dolce.

La fine di un buon libro ti lascia un certo vuoto. Le ultime pagine, se hai amato il libro, le leggi a rilento, quasi volessi non finisse mai. Perché questo è il potere della lettura e delle belle storie che sanno trasportarti. FINALE

Alla prossima fanciulli, dalla vostra Palma.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...