Amministratrice @unteconlapalma · segnalazione

Segnalazione – Lilium Il sortilegio del calice d’oro – Sara Chiatante

Scheda Tecnica

Trama

Gardelium, XVII secolo d.C.

Un giovane soldato si risveglia su un campo di battaglia, in fin di vita: circondato da migliaia di cadaveri, le sue ferite sono tali da non permettergli nemmeno di alzarsi.

Una donna stupenda e misteriosa, però, fa la sua comparsa proponendogli uno scambio di anime: ogni volta che ruberà la purezza di una fanciulla inducendola alla morte, un calice nascosto in una chiesa inizierà a riempirsi di sangue; solo quando ne sarà colmo fino all’orlo, il ragazzo potrà considerarsi un immortale.

Ma cosa succederebbe se qualcuno scoprisse il suo segreto?

Quanto tempo potrebbe restargli se la sua promessa improvvisamente vacillasse?

E quali conseguenze si verificherebbero se per la prima volta iniziasse ad amare?

Prologo

Una ragazza camminava dall’altro lato della strada, i lunghi boccoli castani riversi sulla schiena coperta da un mantello nero che arrivava fino a terra.

Lo guardò per un millesimo di secondo, fermandosi, negli occhi chiari un invito silenzioso che non avrebbe mai espresso a parole; poi gli diede le spalle e sparì dietro l’angolo di un edificio là vicino, sfiorando il muro a lui visibile con le dita di una mano.

Doveva averla. Doveva assolutamente essere sua.

Assicurandosi di avere ancora il volto ben celato dalla maschera, seguì la fanciulla con un’urgenza quasi famelica, la mano stretta sull’elsa della spada nel fodero per usarla in caso ce ne fosse stato bisogno.

Come l’ultima volta.

Girò l’angolo dietro il quale aveva visto scomparire la ragazza senza nome, ansioso di averla tra le braccia e di stringerla a sé con tanta forza da rischiare di toglierle la vita.

Rise di se stesso a quel pensiero, ma il sorriso che gli si era formato tra le labbra si raggelò istantaneamente in un’espressione di puro terrore.

Si ritrovò di fronte a un vicolo buio tra due palazzi enormi, un posto che probabilmente non aveva mai conosciuto la luce del sole: alcune casse vuote erano state accatastate una sopra l’altra in fondo al muro, in modo disordinato e disinteressato, e solo una finestra dei due edifici era rivolta su quella stradina sottostante.

Ma non fu questo a immobilizzare il ragazzo.

Sembrava che la fanciulla senza nome si fosse volatilizzata in quello che era a tutti gli effetti un vicolo cieco, senza vie d’uscita.

E lui era rimasto da solo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...