@jesslibri · Amministratrice @unteconlapalma · Collaborazione - Autori Emergenti · contributors · Recensione

#Collaborazione – Recensione – Viola di notte – Ilaria Bianchi

Documento digitale inviato direttamente dall’autrice.

Buongiorno zuccherini, oggi sono qui a parlarvi di un libro in anteprima, un libro che trovate al momento solo sul sito della BookABook. Ilaria Bianchi, l’autrice di Viola di notte, ha mandato il suo manoscritto a questa casa editrice ma per far sì che la pubblicazione del libro avvenga, deve esserci il sostegno di noi lettori. E come? Ilaria ha tempo 100 giorno per raggiungere l’obiettivo di 200 copie per vedere il suo libro pubblicato. La campagna è iniziata il 13 marzo e si concluderà il 21 giugno.

Ho avuto il piacere di leggere questo libro in anteprima, e fidatevi, si merita il nostro sostegno. Di seguito troverete tutte le varie informazioni, incluso che cosa ne ho pensato, ma prima… vi lascio una piccola citazione del manoscritto:

“Ma secondo te perché è così difficile essere se stessi? È per colpa del mondo, della gente? È per colpa nostra, di quello che di noi non vediamo? Voglio dire, fingere che vada tutto bene, fingere di essere felici è un piano che può portare solo al fallimento”.

Scheda tecnica

  • Titolo: Viola di notte
  • Autore: Ilaria Bianchi
  • Editore: BookaBook
  • Genere: Young adult
  • Finale: Conclusivo
  • Anno di pubblicazione: Dicembre 2019
  • Copertina flessibile: €14,00
  • Ebook: €6,99
  • Link d’acquisto

Sinossi

Due ragazzi. Un Luna Park. Un diario. Un amore capace di nascere solo con l’immaginazione.
Viola si sente diversa, i suoi occhi sono malati, la possibile perdita della vista la rende attenta a tutto quello che la circonda. È una solitudine vera la sua, così profonda da spingerla a scrivere i suoi pensieri dentro un diario per poi lasciarli in balia del destino sulla ruota panoramica di un Luna Park l’ultimo giorno d’estate.
Mattia ha una vita perfetta ma la morte improvvisa di Matteo, suo fratello gemello, apre una voragine nella sua ostentata calma, nel suo maniacale controllo.
È in una notte tra tante che salendo sulla ruota panoramica di un Luna Park trova un diario. “Viola di notte” c’è scritto sulla prima pagina. Leggendolo Mattia inizierà il suo primo viaggio dentro se stesso. Un viaggio intenso, sincero, tanto profondo da fargli scoprire che le cose importanti non vanno cercate lontano perché spesso sono proprio lì, a portata di mano.
Viola di notte è un percorso dentro le più intime riflessioni, dentro le debolezze e le paure che almeno una volta nella vita ognuno di noi deve aver vissuto. È un viaggio dentro un amore diverso dagli altri, un amore che non si dimentica, un amore in cui essere quello che si è diventa l’unica regola da seguire per non sbagliare mai.

Perché ho scritto questo libro?

Ho scritto questo libro per tutte le volte in cui ho dimenticato che è facile abituarsi alla bellezza che ci circonda, per tutte quelle volte in cui ho cercato le emozioni lontano senza accorgermi di averle vicino, l’ho scritto per quei momenti in cui non sono riuscita a raccontare la verità delle mie paure.
Ho scritto questo libro per tutte le volte in cui mi sono sentita un’estranea di fronte a me stessa, e per quelle in cui mi sono resa conto che per ritrovarsi bisogna prima perdersi.

Biografia

Vive in una casa con una finestra che guarda il mare, ha studiato scenografia teatrale all’Accademia di Belle Arti, ama la musica, la scrittura e il disegno.
Colleziona occhiali, biglietti di concerti a cui ha partecipato e diari.
Ha un quaderno in cui scrive tutti i film che ha visto e un baule dentro cui sono chiusi tutti i momenti importanti della sua vita. Le piace bere Coca Cola e sogna di riuscire a trovare un giorno le parole giuste per descrivere la vera profondità delle emozioni.
Viola di notte è uno dei suoi romanzi.

Recensione

Ho letteralmente appena finito di leggere Viola di notte di Ilaria Bianchi… e ammetto di non avere parole. In realtà le parole ci sono, ma sono talmente ammassate e intrecciate che è difficile dargli un senso.

Ammetto di avere un po’ paura, paura di non riuscire a farvi capire la bellezza di questa storia.

Viola di notte ha avuto la capacità di lasciarmi più volte senza respiro, come se determinate frasi messe nel racconto fossero state messe lì di proposito, quasi come schiaffeggiarmi, o farmi svegliare.

Questo libro dista parecchio da quello che leggo di solito e che vi commento: non ci sono molti dialoghi, non è qualcosa di divertente, frizzante o di fantasia. Questo libro è vero. Ci sono aspetti che persone vivono quotidianamente, dolori e viaggi interiori che non possono e non devono passare inosservati.

Leggendo la storia, mi sono ritrovata più volte a rileggere determinati passaggi, o meglio frasi, tanto che alla fine sull’ereader mi sono ritrovata ad evidenziarli. Sono arrivata a quota quindici, ed è una cosa che non faccio mai.

Quando ho iniziato la lettura, non ero preparata psicologicamente allo scompiglio che mi avrebbe portato. Come lettrice sono solita iniziare e finire un romanzo in due giorni – tre, al massimo. Sono rimasta nei miei tempi, ma se non mi fossi obbligata a fermarmi lo avrei finito la notte stessa che l’ho iniziato.

La storia di Mattia e Viola potrebbe sembrare semplice, ma fin dal primo capitolo si capisce che non lo è. Viola ha una malattia che l’ha portata a vedere veramente cosa la circonda (nonostante stia perdendo la vista) e Mattia… Mattia ritrova sé stesso leggendo il diario di Viola che trova sulla ruota panoramica.

I pensieri della protagonista non hanno permesso solo a Mattia di farsi delle domande e di vedere le cose come stanno, un po’ lo hanno fatto anche con me. Questo diario ha permesso a Mattia di conoscersi, di cambiare, di voler scoprire sé stesso… permettendogli di mettere tutto in gioco: sé stesso per primo.

E non facile, quando passi la vita ad essere il figlio perfetto, lo studente modello, un buon nuotatore. Non è nemmeno facile provare qualcosa, dopo che per anni non ti sei mai permesso di farlo. Mattia ha riscoperto il dolore, lo ha assaggiato ed è arrivato ad accettare la morte di suo fratello, si svestito dei suoi panni per cercare una sua forma e soprattutto ha voluto dare un volto a Viola. Sentire sulla pelle i suoi pensieri, provare quella connessione, quell’intimità solo con i suoi pensieri scritti non era abbastanza. E non lo era nemmeno per me, semplice lettrice.

Questo romanzo è ordinabile sul sito della bookabook, e credetemi, vale la pena leggerlo. Di seguito vi lascio qualcuna delle frasi salvate sul mio lettore, così – magari – da farvi entrare nel mood e convincervi a farci un pensierino. Sempre se non vi ho già convinto.

~ Ti guardi allo specchio e la trovi sempre la giustificazione al tuo esilio continuo.

~ L’arresa è vista come una sconfitta, ma secondo me certe volte può essere un momento di eterna pace. Perché quando ti arrendi, non devi più combattere: vivi e basta.

~ Mi sono sentito come una parola messa lì, tra le altre, una virgola al posto giusto, come un punto che conclude un discorso.

~ Certe volte manca qualcosa. È una certezza, non una sensazione.

Grazie come sempre dell’attenzione.

A presto, Jess.

https://www.instagram.com/bookabook_it/

Concept Bookabook

Bookabook è la prima casa editrice italiana in​ crowdpublishing. Bookabook non si limita a pubblicare libri​per i lettori, ma pubblica libri​con i lettori, mettendoli al centro del processo editoriale. L’idea alla base è semplice, ma efficace: unire le potenzialità del​crowdfunding con la ricerca della qualità dell’editoria tradizionale. Ecco come funziona: dopo un’attenta pre-selezione qualitativa delle proposte, a cura di editor professionisti, sono i lettori ad avere l’ultima parola sulla scelta dei libri da pubblicare. I lettori possono scaricare gratuitamente l’anteprima di un libro e, se desiderano continuare la lettura, possono pre-ordinare una copia nel formato che preferiscono, cartaceo o ebook. Attorno a ogni libro si costruisce così una ​community di lettori che si innamorano del progetto prima ancora che sia pubblicato. L’esperienza di lettura è del tutto nuova: possono accedere alle bozze, interagire con l’autore e scambiarsi opinioni tra loro, mettersi a disposizione per eventi di presentazione o anche solo per condividere il libro sui ​social network.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...